QR code per la pagina originale

Street View nel parco più esclusivo di New York

Gramercy Park è il giardino più esclusivo di New York: solo 383 persone ne posseggono le chiavi, ma da oggi è possibile visitarlo grazie a Street View.

,

Grazie alle immagini aeree di Google Maps e quelle panoramiche a 360 gradi di Street View oggi è pressoché possibile viaggiare in qualsiasi luogo del mondo restando comodamente seduti di fronte al monitor. Ci sono però alcuni luoghi ancora inaccessibili. Di questa categoria non fa più parte da qualche giorno il Gramercy Park di New York, un giardino di Manhattan tra i più esclusivi della Grande Mela.

Per capire quanto il luogo sia solitamente inaccessibile al pubblico basta pensare che esistono solamente 383 chiavi che aprono i suoi cancelli. Per ottenerle è necessario far parte di un club e versare una non indifferente quota annuale. Tra i privilegiati ci sono celebrità del calibro di Uma Thurman e Rufus Wainwright. Qualcuno è però riuscito ad entrarvi, approfittando dell’occasione per immortalare il panorama all’interno con la tecnica Photo Sphere e condividendolo poi su Street View. Si tratta di Shawn Christopher, programmatore in visita nella città statunitense durante la luna di miele. Come ha fatto ad ottenere una delle chiavi? Grazie alla sua prenotazione su AirBnb.

Quando ho capito dove mi trovavo ho pensato “Devo immortalarlo”. Internet si basa sulla condivisione della conoscenza, specialmente per quanto riguarda le cose nascoste e segrete.

Il Gramercy Park di New York immortalato su Street View

Il Gramercy Park di New York immortalato su Street View

Per capire quanto Gramercy Park sia considerato un luogo esclusivo è sufficiente sapere che in passato l’associazione che lo gestisce ha negato a registi come Woody Allen e Robert De Niro di entrarvi per filmare alcune sequenze dei propri lungometraggi. I responsabili del club hanno comunque dichiarato alla stampa di non aver alcuna intenzione di richiedere al team di Google Maps la rimozione delle immagini.

Dopotutto, ciò che facciamo lì dentro è sederci. Il fatto che alcune persone lo guardino online non cambierà nulla.