QR code per la pagina originale

Antitrust: 500 mila euro di multa a TripAdvisor

L'Antitrust sanziona TripAdvisor con una multa da mezzo milione di euro per pratiche commerciali scorrette. Sul portale comparivano recensioni fasulle

,

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato TripAdvisor per pratiche commerciali scorrette con una sanzione di mezzo milione di euro. Con questo provvedimento, l’Antitrust ha vietato la diffusione e la continuazione di una pratica commerciale consistente nella “diffusione di informazioni ingannevoli sulle fonti delle recensioni”, pubblicate sulla banca dati telematica degli operatori, adottando strumenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare il fenomeno delle false recensioni. In particolare, TripAdvisor pubblicizza la propria attività mediante claim commerciali che, in maniera particolarmente assertiva, enfatizzano il carattere autentico e genuino delle recensioni, inducendo così i consumatori a ritenere che le informazioni siano sempre attendibili in quanto espressione di reali esperienze turistiche.

L’intervento dell’Antitrust punta a evitare che i consumatori assumano le proprie scelte economiche, in ordine ai servizi resi dalle strutture turistiche ricercate sul sito, basandosi anche su informazioni pubblicitarie non rispondenti al vero. Entro 90 giorni TripAdvisor dovrà comunicare le iniziative assunte per ottemperare al divieto di ulteriore diffusione e continuazione della pratica commerciale scorretta. La sanzione amministrativa dovrà essere pagata entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento. L’annuncio che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato aveva aperto un’istruttoria contro TripAdvisor era stata fatto il maggio scorso, quando, su segnalazione dell’Associazione Unione Nazionale Consumatori e di altri soggetti, l’Antitrust voleva verificare se all’interno del portale fosse fatto tutto il possibile per evitare la pubblicazione di false recensioni, sia sotto il profilo informativo che relativamente alle procedure di registrazione.

Un’indagine che evidenziava anche la maggiore attenzione prestata dal Garante ai nuovi servizi online. Oggi arriva dunque la decisione del Garante con l’accertamento di pratiche commerciali scorrette con relativa pesantissima sanzione.

Fonte: AGCM • Immagine: Il Giornale • Notizie su: ,