QR code per la pagina originale

Microsoft: Windows gratis su piccoli tablet

Microsoft concederà licenza gratuita agli OEM che utilizzeranno Windows 8.1 sui tablet con display al di sotto dei 9 pollici.

,

Microsoft avrebbe in cantiere una piccola grande rivoluzione sulla propria politica dei prezzi per la distribuzione OEM del sistema operativo Windows. La maggior critica raccolta in passato sul mercato è stata infatti nel prezzo di accesso al sistema, qualcosa che ha tenuto gli OEM lontani dal produrre tablet basati su Windows 8.1. L’avvento di Satya Nadella alla guida del gruppo di Redmond ha però subito lasciato intendere che qualcosa stava per cambiare. E qualcosa di importante, infatti, sta per cambiare.

La chiave della svolta, come intuito ormai da alcuni mesi, è Bing. Microsoft ha infatti intenzione di abbattere completamente il costo dell’utilizzo di Windows 8.1 sui tablet di piccole dimensioni (sotto i 9 pollici) sfruttando una offerta che impone Bing come strumento di ricerca predefinito. Tutto confermato rispetto alle ipotesi di pochi mesi or sono: “Windows 8.1 with Bing” può essere il nuovo punto di incontro tra Microsoft e OEM, i quali si troverebbero con una tariffa pari a zero nel caso in cui accettino l’offerta (comprensiva peraltro anche di MSN come homepage predefinita su qualsiasi browser venga precaricato).

L’esito è indubbio: aumenterà il numero di tablet di piccola taglia e basso costo basati su piattaforma Windows, in grado di veicolare l’utenza verso Bing e utili a promuovere la vendita di un maggior numero di app da Windows Store. Facendosi peraltro anche traino di curiosità nei confronti della dimensione mobile del gruppo.

Windows 8.1: i prezzi OEM nel dettaglio

In realtà la gratuità di Windows 8.1 su dispositivi sotto i 9 pollici è la conseguenza di una offerta duplice: da una parte un costo da 10 dollari per la licenza, dall’altra uno sconto da 10 dollari per “sconto configurazione”. I browser al di sopra dei 10 pollici vedono invece il costo dell’accesso alla licenza salire a 15 dollari, frutto di un prezzo da 25 dollari scontato di 10 dollari.

Tanto per i tablet di piccola taglia, quanto per quelli di diagonale al di sopra dei 10 pollici, Microsoft offre inoltre la possibilità di integrare un anno gratuito di Office 365, il che va ad avvalorare l’offerta complessiva che il produttore mette nelle mani dell’acquirente: una mano tesa agli OEM da una parte, un modo per portare volumi di traffico verso la suite Microsoft dall’altra.

L’offerta è riservata ai tablet basati su chip Intel x86. L’obiettivo è quello di surclassare l’egemonia Android sui dispositivi di piccola fascia, consentendo l’accesso all’esperienza ed ai servizi Microsoft in una fascia di mercato che oggi vede Windows tagliato fuori da produttori e consumatori. Ma è solo l’inizio: con Windows 10 e con la nuova logica del servizio al cuore del business di Redmond, il piano complessivo dell’azienda cambierà progressivamente fino a snaturare completamente il DNA del gruppo. La mutazione è soltanto agli inizi.

 

Fonte: Paul Thurrott • Via: ZDNet • Notizie su: ,