QR code per la pagina originale

BMW e VW insieme per ricaricare le auto elettriche

Partnership tra due colossi dell'industria automobilistica, BMW e Volkswagen, per creare nuove stazioni dedicate alla ricarica dei veicoli elettrici.

,

Mentre il settore delle quattro ruote si appresta ad accogliere l’arrivo sul mercato delle prime vetture alimentate a idrogeno, quello relativo alle auto elettriche ancora stenta a decollare. L’ostacolo principale è rappresentato da una diffusione non ancora capillare delle stazioni per la ricarica delle batterie (oltre che dal costo elevato di queste ultime), tanto da spingere alcuni big come BMWVolkswagen a siglare collaborazioni con l’obiettivo di trovare una soluzione al problema.

Le due aziende tedesche hanno annunciato una partnership che porterà alla creazione di 100 punti per la ricarica rapida negli Stati Uniti, più precisamente sulle coste est e ovest. Alcune delle città interessate saranno Boston, New York, Washington, Portland, San Francisco, Los Angeles e San Diego. Ogni stazione offrirà due colonnette da 50 kW o 24 kW, in grado di portare l’autonomia dei veicoli all’80% in un tempo che varia da 20 a 30 minuti a seconda del modello. A differenza dell’iniziativa messa in campo da Tesla con la rete Supercharger, in questo caso non si tratterà di una tecnologia proprietaria, bensì compatibile con la maggior parte delle e-car in circolazione, ovviamente a partire da BMW i3 e Volkswagen e-Golf.

Le nuove stazioni per la ricarica rapida dei veicoli elettrici costruite da BMW e Volkswagen saranno compatibili con la quasi totalità dei modelli in commercio

Le nuove stazioni per la ricarica rapida dei veicoli elettrici costruite da BMW e Volkswagen saranno compatibili con la quasi totalità dei modelli in commercio (immagine: ChargePoint).

Per quanto riguarda le location selezionate, il criterio di cui hanno tenuto conto i due produttori è semplice: bisogna garantire all’automobilista la possibilità di “fare il pieno” quando necessario, senza costringerlo ad affrontare lunghi viaggi solo per ricaricare la batteria. Una precisazione: l’accesso alle colonnette sarà a pagamento, con tariffe che non sono ancora state ufficializzate. Si tratterà però certamente di una spesa inferiore rispetto a quella necessaria per mantenere una vettura alimentata con un carburante tradizionale.

Fonte: ChargePoint • Via: The New York Times • Notizie su: