QR code per la pagina originale

Microsoft: venduti 10,5 milioni di Lumia

Microsoft comunica i risultati fiscali del Q2 2015. Bene le vendite dei Lumia con 10,5 milioni di pezzi e buoni risultati della linea Surface

,

Microsoft ha pubblicato i risultati fiscali del Q2 del 2015 facendo segnare 5,6 miliardi di dollari di utile netto e 26,5 miliardi di dollari di fatturato. I ricavi sono aumentati dell’8% rispetto al trimestre dello scorso anno mente l’utile netto è sceso del 10%. A parziale giustificazione delle perdite, Microsoft sottolinea l’investimento ulteriore di 243 milioni di dollari spesi per l’integrazione e ristrutturazione della divisione mobile di Nokia acquistata lo scorso anno.

Dagli ultimi risultati fiscali di Microsoft emergono le buone performances degli smartphone Lumia e della linea Surface mentre appare oramai chiaro che la casa di Redmond non intende più puntare su Windows per fare soldi le cui perdite sono invece compensate egregiamente dalla forti entrate del settore cloud e server. Di particolare rilievo i risultati della linea Surface dove, grazie soprattutto al Surface Pro 3, i ricavi sono saliti addirittura del 24% (1,1 miliardi di dollari), rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Microsoft non ha voluto dichiarare quanti Surface sono stati effettivamente venduti, tuttavia appare oggi ben chiaro che la linea Surface è ben distante dai risultati deludenti del primo periodo della sua commercializzazione quando aveva fatto segnare perdite pesantissime.

Per quanto riguarda il settore intrattenimento, Microsoft ha dichiarato di aver venduto 6,6 milioni di console Xbox (sia Xbox 360 che Xbox One). Un risultati discreto ma comunque in calo rispetto alle 7,4 milioni di unità complessive nello stesso periodo dell’anno precedente. Sebbene Microsoft non abbia dichiarato esplicitamente quante siano le console Xbox 360 e quante siano invece le console Xbox One vendute, l’azienda ha sottolineato come si stia assistendo ad un calo naturale delle vendite della vecchia console.

Continua il calo (-13%) delle entrate OEM che evidenziano ancora come il mercato dei computer sia in calo anche se secondo alcuni analisti potrebbe essere imminente una ripartenza. In particolare, le maggiori perdite si incentrerebbero nel mercato business dei computer e sulle licenze a basso costo per i computer venduti a studenti ed insegnanti. A provare a spingere il mercato dei PC nuovamente verso l’altro Windows 10 su cui Microsoft sta investendo molto e che arriverà entro il prossimo autunno.

Nel Q2, bene il settore mobile grazie soprattutto alla strategia di aver puntato sui dispositivi di fascia media con prezzi molto aggressivi. Microsoft ha infatti venduto 10,5 milioni di Lumia contro gli 8,2 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso con una crescita importante del 28%. Tuttavia, gli investimenti nel settore mobile hanno un costo ed infatti le entrate legate a Windows Phone sono calate del 61%.

Il settore cloud e server di Microsoft sono oggi il core business dell’azienda. I ricavi del settore server sono infatti saliti del 9%, mentre quelli legati al cloud addirittura del 116% soprattutto grazie ad Office 365, Azure e Dynamics CRM. Sul lato consumer, gli iscritti ad Office 365 sono oggi 9,2 milioni contro i 3,5 milioni dell’anno precedente. Tuttavia le entrate legate ad Office sono in calo del 25% a causa della transizione verso i servizi cloud e del calo sul mercato giapponese.

Fonte: Microsoft • Notizie su: ,