QR code per la pagina originale

Vivaldi, un nuovo browser per power user

Vivaldi è stato progettato dal co-fondatore di Opera. Include quindi alcune feature presenti nel browser norvegese e nuove funzionalità per power user.

,

Microsoft ha svelato Spartan per Windows 10. Meno di una settimana dopo, arriva un nuovo concorrente: Vivaldi. Il browser, disponibile in preview per Windows, Mac e Linux, è stato sviluppato da un team guidato da Jon Von Tetzchner, ex CEO e co-fondatore di Opera. Non stupiscono quindi le similitudini con il browser norvegese, in particolare la funzione Speed Dials per l’accesso ai siti preferiti.

Von Tetzchner ha spiegato che ci sono molte persone che vogliono di più dal loro browser. Quelli più popolari oggi includono funzionalità simili. Opera era stato originariamente progettato per distinguersi dalla concorrenza, ma tutto è cambiato quando la software house norvegese ha deciso di sostituire il motore di rendering Presto con WebKit e di eliminare le feature esclusive. Vivaldi è invece un browser per power user che sfrutta al meglio gli attuali standard web, tra cui HTML5, JavaScript e React. Come rendering engine è stato scelto Blink del progetto Chromium.

L’interfaccia del browser è piuttosto semplice. Le schede vengono aperte in alto, mentre la barra degli indirizzi è affiancata dalla barra di ricerca (a destra) e dai pulsanti di navigazione (a sinistra). Sul lato sinistro è visibile anche una piccola colonna che permette di accedere ai segnalibri, ai download e alle opzioni. Il colore delle schede e del menu cambia in base alla dominante cromatica del sito visitato.

Oltre alla pagina Speed Dials, in cui l’utente può organizzare i siti preferiti, sono presenti altre funzionalità pensate per coloro che usano il browser per molte ore al giorno e vogliono lavorare in un modo più efficiente. È possibile scrivere note corredate di screenshot per ogni sito, raggruppare le schede trascinandole una sull’altra e utilizzare i “quick command” (scorciatoie da tastiera) per cercare ed eseguire comandi.

Essendo una Tech Preview mancano diverse funzionalità. Il team di sviluppatori aggiungerà in futuro la sincronizzazione di segnalibri, note, sessioni e cronologia tra diversi dispositivi, il supporto per le estensioni e anche un client email, come nelle vecchie versioni di Opera. Verranno inoltre migliorate le prestazioni. Vivaldi è stato progettato per soddisfare le esigenze degli utenti, quindi l’azienda accetterà volentieri qualsiasi suggerimento.

Fonte: The Next Web • Notizie su: