QR code per la pagina originale

Kantar: continua il calo di Windows Phone

Secondo gli ultimi rilevamenti di Kantar, Windows Phone continua a perdere quote di mercato in Europa ed in particolare in Italia

,

Windows Phone continua a perdere quote di mercato sia in Italia che in Europa. Dati che arrivano dall’ultima rilevazione di Kantar che ha pubblicato le analisi dell’ultimo trimestre di ottobre, novembre e dicembre 2014. Nel report emerge come in Europa, Windows Phone possegga una quota di mercato pari all’8,9% con un calo dell’1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Molto più sensibile, invece, il calo in Italia, un mercato dove la piattaforma mobile di Microsoft ha sempre venduto molto bene.

Secondo gli ultimi dati di Kantar, continua in Italia la flessione di Windows Phone che a dicembre possedeva una quota di mercato del 12,7% con un vistoso calo del 4,4% rispetto al 2013. Sono al momento molto lontani i record di vendite che avevano permesso a Windows Phone, almeno in Italia, di sopravanzare addirittura iOS che invece grazie al debutto dei nuovi iPhone 6 ha guadagnato moltissime quote di mercato, non solo nei confronti di Windows Phone ma anche di Android. La flessione di Windows Phone continua anche sul mercato americano dove la quota di mercato cala dello 0,3% (3,8%) e in Cina (quota complessiva dello 0,7%). Unico mecato positivo quello australiano dove Windows Phone rispetto al 2013 cresce addirittura del 4% arrivando ad una quota complessiva del 9,2%.

Kantar

Kantar: diffusione di Windows Phone a dicembre 2014 (immagine: Kantar).

A pesare sui risultati di Windows Phone, sicuramente le vendite record di Apple con l’iPhone 6, ma anche l’assenza di vere novità. Negli ultimi mesi, infatti, sono stati lanciati solo terminali di fascia bassa che sicuramente permettono di avvicinare le masse e sostenere le vendite, ma l’assenza di novità nella fascia di mercato dei terminali di punta inizia a pesare. Recenti rumors, in tal senso, vedrebbero Microsoft annunciare nuovi smartphone di fascia alta da maggio in poi, sfruttando l’imminente lancio di Windows 10.