QR code per la pagina originale

L’iCar di Apple arriva nel 2020

Apple potrebbe lanciare la sua iCar entro il 2020: Bloomberg prevede 5 anni massimi di sviluppo, affinché la Mela possa competere con i rivali Tesla e GM.

,

Continuano le indiscrezioni sulle nuove passioni motorizzate del gruppo di Cupertino, a seguito dei rumor sulla possibile produzione di un’auto elettrica targata mela morsicata. Stando a nuove previsioni lanciate da Bloomberg, ci si potrà mettere al volante di una iCar Apple a partire dal 2020. E gli analisti sono già pronti a scommettere: con la discesa in campo della società californiana, il settore delle auto elettriche sarà finalmente pronto a spiccare il volo.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, Apple sarebbe già al lavoro sulla sua iCar, un modello di automobile elettrica, non è dato sapere se classica o self driving. L’azienda si sarebbe imposta una timeline di non più di 5 anni per lo sviluppo e la produzione, così da competere con i modelli analoghi che verranno probabilmente lanciati da Tesla e da General Motors a partire dal 2017.

Questi due gruppi sarebbero i principali rivali temuti da Apple, poiché già ben avviati nell’universo dell’automotive e da tempo impegnati nello studio di vetture elettriche. In particolare, l’obiettivo è quello di raggiungere un’autonomia di oltre 300 chilometri a singola carica, per una vendita dell’automobile a un prezzo inferiore ai 40.000 dollari. Normalmente i produttori impiegano dai 5 ai 7 anni per realizzare una vettura, di conseguenza le tempistiche associate alla Mela appaiono come altamente verosimili.

Prima della scorsa settimana, non vi erano grandi settori sul possibile sbarco di Apple nel settore delle automobili. Un misterioso van in California aveva lasciato adito alle più varie speculazioni, anche se il veicolo appare più legato a un progetto di mappatura 3D delle strade che di uno studio utile ai prototipi d’auto. Il The Wall Street Journal, tuttavia, ha parlato di un cosiddetto “Project Titan” che sarebbe già in corso nella Silicon Valley, in una sede staccata e segreta rispetto a quella di Cupertino. Qui Apple racchiuderebbe tutti i segreti sulla sua automobile, oggi al vaglio di oltre 1.000 esperti di settore.

Non ultimo, la mela morsicata avrebbe già avviato la sua campagna di assunzioni da altre realtà dell’universo dell’automotive, come Tesla, Ford, General Motors, A123 Systems, MIT Motorsports, Ogin, Autoliv, Concept System, General Dynamics e molte altre. Non sembrano quindi esserci molti dubbi: la “next big thing” di Cupertino sarà su quattro ruote.