QR code per la pagina originale

MWC 2015: lo smartwatch Guess Connect

Guess ha presentato lo smartwatch Connect al Mobile World Congress 2015 di Barcellona, un dispositivo realizzato in collaborazione con Martian Watches.

,

Anche i marchi d’abbigliamento guardano con sempre maggiore interesse all’ambito dei dispositivi indossabili. L’ennesima dimostrazione arriva dai padiglioni del MWC 2015, dove Guess nei giorni scorsi ha presentato uno smartwatch realizzato in collaborazione con l’azienda Martian Watches. Il dispositivo, chiamato Guess Connect, è stato progettato con un’attenzione particolare al design e all’autonomia, senza dimenticare la piena compatibilità sia con Android che con iOS.

Pensato come prodotto unisex e proposto in diverse colorazioni, lo smartwatch visualizza notifiche e informazioni all’interno di un piccolo display posizionato nella parte inferiore del quadrante, mentre il resto della scocca è ispirata a quella di un orologio tradizionale. Tra le funzionalità messe a disposizione figura anche il pieno supporto ai comandi vocali, che in accoppiata con microfono e altoparlante possono essere utilizzati ad esempio per rispondere a una telefonata, oppure per dettare il testo di un’email da spedire tramite smartphone. Lo scambio dei dati avviene attraverso il modulo Bluetooth. Di seguito alcune immagini scattate in occasione del Mobile World Congress 2015 di Barcellona.

Non mancano nemmeno la vibrazione che segnala direttamente al polso l’arrivo di un nuovo messaggio e la possibilità di scorrere le ultime notifiche visualizzate semplicemente toccando il vetro. Nello stand allestito al Mobile World Congress sono stati mostrati anche altri dispositivi indossabili, alcuni dei quali immortalati nella galleria allegata di seguito, commercializzati da Martian e realizzati per fornire un accesso veloce alle notifiche degli smartphone. Pur non trattandosi di smartwatch nel vero senso della parola, i prodotti risultano comunque interessanti, poiché non sconvolgono il concetto tradizionale di orologio, ma lo evolvono attraverso un’integrazione non invasiva della tecnologia, risultando discreti e funzionali al tempo stesso.