QR code per la pagina originale

I droni si imparano a pilotare all’università

I droni sbarcano all'università italiana con il primo corso di pilotaggio in Italia riconosciuto dall'ENAC per specialisti di aerofotogrammetria

,

Link Campus, un’università italiana non statale legalmente riconosciuta dell’Ordinamento Universitario Italiano, è la prima università italiana a ricevere la certificazione dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) per predisporre corsi di addestramento teorico e pratico per i mini Sapr, i droni di massa al decollo inferiore a 25 kg. Dal prossimo mese di maggio, dunque, tutti i piloti interessati potranno sedersi nuovamente sui banchi di scuola e frequentare il primo corso per specialisti di aerofotogrammetria con Sapr.

L’abilitazione concessa dall’ENAC consentirà, dunque, all’università Link Campus di programmare corsi il cui fine sarà formare dei professionisti per l’utilizzo dei Sapr. I corsi saranno programmati in collaborazione con FlyTop, una startup italiana che di recente aveva mostrato al pubblico il suo drone per operazioni antiterrorismo. Tra le specializzazioni previste, quella per la aerofotogrammetria che formerà personale in grado di utilizzare droni nel settore industriale dei rilievi topografici. I corsi avranno lo scopo di spingere gli iscritti anche verso l’autoimprenditorialità in un settore in forte crescita e pieno di nuove opportunità di business.

Il programma formativo, della durata di 150 ore, prevede lo studio di diverse materie tra cui tecniche di pilotaggio, sicurezza, regole dell’ENAC e teoria aeronautica. La seconda parte del corso sarà incentrata su lezioni pratiche in cui gli studenti dovranno affrontare prove al simulatore e nei campi volo con veri droni.

Infine, nelle ultime 32 ore di lezione, gli studenti dovranno approfondire l’uso di strumenti digitali per la restituzione e georeferenziazione, con lo scopo di sviluppare competenze pratiche di costruzione e trattamento di dati geografici attraverso l’uso di Gis opensource.