QR code per la pagina originale

Apple Pay raggiunge il 6% degli utenti iPhone 6

Apple Pay sarebbe stato usato dal 6% degli utenti iPhone 6: un'indagine evidenzia possibilità e limiti del pagamento mobile voluto da Cupertino.

,

Sta cercando di farsi strada negli Stati Uniti, in attesa del lancio ufficiale in Europa e in altre nazioni del mondo: Apple Pay, il sistema di pagamento mobile voluto dal gruppo di Cupertino, ha ricevuto plausi sia dalla critica che dall’utenza. Eppure la sua adozione procederebbe abbastanza lentamente, così come fisiologico per questo tipo di tecnologia. Secondo alcuni dati raccolti da InfoScout, il 6% dei possessori di un iPhone 6 avrebbe provato il servizio, mentre l’85% non avrebbe avuto ancora occasione. Per quale motivo?

La società d’analisi ha presentato le proprie rilevazioni in occasione della conferenza PYMNTS.com Mobile Innovation Project 2015, dove ha commentato il tasso d’adozione di Apple Pay. Le percentuali tratteggiano un quadro interessante, poiché sottolinea le potenzialità e gli eventuali limiti del mezzo: il 6% degli utenti di iPhone 6 ha utilizzato il pagamento mobile almeno una volta, l’85% non l’ha mai provato e il restante 9% ha dichiarato incertezza sulle modalità di funzionamento del servizio, così come sui negozi dove Apple Pay è accettato.

Lo studio ha coinvolto un campione rappresentativo di 1.188 partecipanti, sebbene non distingua pienamente tra dispositivi abilitati ad Apple Pay, come gli iPad per gli acquisti online, anche se pare il fronte preminente sia quello delle compere in store tramite uno smartphone compatibile. Il problema principale rilevato sarebbe innanzitutto fisiologico, ovvero l’attesa dell’abilitazione di sempre più catene al servizio. Esisterebbero, tuttavia, dei limiti dovuti anche al modello di crescita voluto da Apple, così come spiega il CEO di PYMNTS Karen Webster:

Non solo servono clienti con Apple Pay, servono anche clienti con un iPhone 6. Quindi sono necessari dei clienti con il giusto hardware e dei negozianti con corretto hardware affinché il servizio funzioni.

Vi sarebbe, però, un dato molto importante per il successo dell’iniziativa Apple. Fra gli intervistati che confermano di utilizzare regolarmente Apple Pay su iPhone 6, il 30% sostiene di basare le proprie decisioni d’acquisto anche sulla possibilità di sfruttare il servizio in un particolare negozio. Questo potrebbe spingere le catene ad ampliare il proprio bacino di utenti includendo il servizio Apple, facendo di conseguenza aumentare quel 6% citato poc’anzi. Come già ricordato, i pagamenti targati mela morsicata sono oggi disponibili negli Stati Uniti e presto in Cina: sono coinvolti 39 tra istituti bancari e mediatori finanziari, per un totale di 150 partner nella grande distribuzione.

Galleria di immagini: iPhone 6, le foto