QR code per la pagina originale

Ritrovare lo smartphone con Android Wear

La funzionalità Gestione Dispositivi Android di Google, a partire da oggi, integra il supporto agli smartwatch basati sul sistema operativo Android Wear.

,

Nel 2013 Google ha introdotto la funzionalità Gestione Dispositivi Android (Android Device Manager in inglese), utile per controllare i propri smartphone e tablet da remoto, anche quando non è possibile accedervi fisicamente. Un’utility il cui scopo principale è quello di ritrovare i device smarriti o rubati, eventualmente bloccandoli o eliminando le informazioni personali contenute per evitare che possano finire nelle mani sbagliate.

Stando a quanto svelato oggi dal gruppo di Mountain View, il tool è stato usato con successo finora da circa 30 milioni di utenti. Oggi il motore di ricerca aggiunge una novità, dedicata a chi possiede uno smartwatch basato sul sistema operativo Android Wear. Ecco quanto riportato sulle pagine del blog ufficiale.

Oggi rendiamo Gestione Dispositivi Android ancora più efficace, con l’introduzione del supporto per Android Wear, che aiuterà a trovare i dispositivi perduti. Non sapere dove avete messo il vostro telefono Android? Nessun problema! Android Wear si connette lo smartphone al vostro polso, attraverso Gestione Dispositivi Android.

Gli smartphone per i quali è stata attivata la funzionalità Gestione Dispositivi Android possono essere rintracciati mediante uno smartwatch Android Wear

Gli smartphone per i quali è stata attivata la funzionalità Gestione Dispositivi Android possono essere rintracciati mediante uno smartwatch Android Wear

Per usufruire della funzionalità basta pronunciare “Ok Google, trova il mio telefono” mediante un comando vocale oppure scegliere l’opzione “Trova il mio telefono” all’interno del menu Start. A quel punto lo smartphone suonerà al massimo volume, così da permetterne il ritrovamento in modo semplice e veloce. La feature verrà attivata in automatico entro le prossime settimane e, per poter essere utilizzata, non richiederà l’installazione di alcuna app aggiuntiva né di aggiornamenti manuali. Un ennesimo passo in avanti per quanto riguarda l’affidabilità e la versatilità dell’ecosistema mobile targato Google, sempre più completo grazie all’interazione tra smartphone, tablet e smartwatch.