QR code per la pagina originale

YouTube sfiderà Twitch con lo streaming dei giochi

Dopo averne mancato l'acquisizione, Google è pronta a sfidare Twitch con il lancio di un nuovo servizio dedicato allo streaming dei videogiochi su YouTube.

,

Lo scorso anno Google ha tentato l’acquisizione di Twitch, mettendo sul piatto un investimento quantificato in un miliardo di dollari. L’operazione non è però andata a buon fine e il sito è passato nelle mani di Amazon, continuando nel suo percorso di crescita, tanto da diventare il numero uno per quanto riguarda lo streaming del gameplay dei giochi in tempo reale. Ora si torna a parlare dell’interesse di YouTube nei confronti di questo settore in forte espansione.

Una fonte, rimasta anonima ma ritenuta affidabile, ha riferito al portale The Daily Dot che il gruppo di Mountain View ha intenzione di integrare presto in YouTube la trasmissione in diretta delle partite giocate. Per raggiungere l’obiettivo bigG avrebbe già messo insieme un team di 50 ingegneri esperti di streaming, dunque il lancio potrebbe avvenire a breve. Un annuncio ufficiale è atteso in occasione dell’evento E3 2015 interamente dedicato al gaming, che andrà in scena a Los Angeles dal 16 al 18 giugno.

Il gaming e gli e-sport in particolare saranno di fondamentale importanza per il nuovo YouTube Live. Presto saranno introdotte grandi opportunità per gli streamer affermati e le aziende, se si considera che il pubblico degli e-sport crescerà quando Google metterà in campo promozioni e partnership legate a questi eventi.

I vertici dell’azienda, interpellati sull’indiscrezione, si sono trincerati dietro il più classico dei “no comment”. La piattaforma ha comunque già confidenza con lo streaming del gameplay, in quanto dal 2013 ospita i campionati ufficiali di League of Legends, senza considerare le migliaia di canali amatoriali dedicati ai giochi per PC e console, alcuni dei quali con un gran numero di iscritti. La sfida a Twitch potrebbe dunque rappresentare per YouTube il prossimo step evolutivo, finalizzato ad espandere ulteriormente il raggio d’azione di un servizio che già oggi detiene una sorta di monopolio nell’ambito della condivisione online dei filmati.

Fonte: The Daily Dot • Via: Ars Technica • Notizie su: , ,