QR code per la pagina originale

Neve, pioggia e vento al cinema nelle sale 4DX

Le sale cinematografiche dotate di tecnologia 4DX faranno presto sentire gli spettatori ancora più immersi nelle pellicole con neve, pioggia e vento caldo.

,

Per chi ritiene gli occhialini 3D e la risoluzione 4K tecnologie non sufficientemente coinvolgenti, sta per arrivare un nuovo modo di concepire il cinema: sarà possibile entrare letteralmente nelle pellicole, o meglio, sentirsi immersi nelle sequenze. Alcune delle sale equipaggiate con sistemi 4DX saranno presto dotate di macchinari (di natura al momento non meglio precisata) in grado di riversare sugli spettatori neve, pioggia e vento caldo, ovviamente in base a quanto visualizzato sul grande schermo. Si pensi ad esempio a come sarebbe assistere alla proiezione di un film ambientato al polo nord, in un deserto oppure in una città piovosa.

L’idea è dell’azienda sudcoreana CJ 4DPlex, la stessa che nel 2013 ha portato in sala la stimolazione sensoriale attraverso l’emissione di profumi e il movimento delle poltrone. Le prime pellicole con le quali sarà possibile sperimentare nei prossimi mesi la nuova tecnologia sono San Andreas e Mad Max: Fury Road, entrambe caratterizzate da un’elevata spettacolarità e con un’ambientazione dal taglio post-apocalittico, ideale per un approccio alla visione di questo tipo. Toccherà poi ad Avengers: Age of Ultron e Fast & Furious 7.

Sfortunatamente al momento non sono previsti impianti simili in Italia. Negli Stati Uniti sono invece già iniziati i lavori presso il cinema Regal L.A. Live di Los Angeles, il primo sul territorio USA. L’obiettivo è quello di aggiungere una nuova dimensione all’intrattenimento in sala, rendendo ancora più immersiva e coinvolgente l’esperienza offerta sul grande schermo, con la speranza che questo non diventi un pretesto per rendere accettabili film dalla trama debole o dalla sceneggiatura discutibile. Inevitabilmente lieviterà il prezzo del biglietto, anche se a tal proposito al momento non ci sono informazioni precise, un parametro purtroppo già soggetto di rincari non indifferenti negli anni scorsi con l’introduzione delle tre dimensioni.

Fonte: Variety • Notizie su: ,