QR code per la pagina originale

Per Expo rivoluzione mezzi pubblici

In occasione dell'Expo il Comune di Milano estende le linee notturne e punta sulla smart mobility: 4.600 bici e 1900 veicoli in sharing.

,

La città di Milano si prepara all’Expo anche dal punto di vista del trasporto pubblico. Milioni di visitatori e gli stessi milanesi, attratti dalla possibilità di frequentare i molti eventi organizzati nei sei mesi dell’apertura della fiera, dovranno potersi muovere con flussi e ritmi diversi dai soliti. Per questo è stata estesa la rete notturna a tutta la settimana. Considerando anche la smart mobility, la città diventa finalmente più simile alle omologhe europee.

L’Expo si avvicina, mancano due settimane e l’unica preoccupazione non può essere incoraggiare l’acquisto dei biglietti, ma anche pensare a come si sposteranno le persone. La notizia data dall’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran coglie in pieno un bisogno da molto tempo espresso dai giovani milanesi: poter vivere in una città aperta h24. La Milano by Night (thanks to Expo) sfrutterà il potenziale della metropolitana diurna e l’estensione delle linee notturne sostitutive dal lunedì alla domenica.

Le linee

Per poter viaggiare in Milano di giorno e in tarda serata fino all’alba e sette giorni su sette ci si affiderà alle linee sostitutive della metropolitana – 151 (M1), che per l’occasione verrà anche prolungata da Molino Dorino a Rho Fiera, 152 (M2) e 153 (M3) e N42 (Bicocca-Centrale) – e sulle linee N15 (Gratosoglio – San Babila), N6 (Cadorna – Centrale), N24 (Duomo – Vigentino), N27 (San Babila -Viale Ungheria), 90/91, (Lodi M3 – Lotto), N50 (Lorenteggio – Cairoli), N54 (Lambrate – Duomo), N57 (Quarto Oggiaro – Cairoli), N80 (De Angeli – Quinto Romano ), N94 (Porta Volta – Cadorna), per un totale di 15 bus attivi.

Il trasporto pubblico dovrebbe diventare il modo migliore per muoversi a Milano durante il semestre Expo anche di notte:

Sarà una grande opportunità non solo per i 20 milioni di visitatori attesi per l’Esposizione universale, ma anche per i milanesi che potranno riscoprire la città, ancora più ricca di eventi, mostre e occasioni di incontro nei prossimi sei mesi.

Smart mobility

Non solo mezzi pubblici, ma il Comune di Milano mette assieme pubblico e car sharing, una visione olistica che va in un’altra direzione rispetto anche a recenti prese di posizione sulla sharing economy. Nei sei mesi di Expo – e si spera anche dopo – sarà attivo BikeMi, con la possibilità di utilizzare le bici in condivisione 24 ore su 24 il venerdì e il sabato, e fino alle 2 di notte negli altri giorni, 3.600 biciclette tradizionali disponibili anche in orario notturno più altre 1.000 a pedalata assistita.

Sempre disponibili 24 ore su 24 anche i servizi di car sharing, con i 700 veicoli di Car2Go, i 644 di Enjoy, i 290 di Twist e i 140 di GuidaMi, e i 120 quadricicli elettrici di Eq sharing per un totale di quasi 1.900 auto in condivisione a disposizione 24 ore su 24. Il servizio Taxi avrà presto anche il numero unico.

Fonte: Comune Milano • Notizie su: ,