QR code per la pagina originale

Aruba, quando il cloud fa crescere le startup

Terminato il secondo pitch day, contest nel quale Aruba mette a disposizione preziose risorse cloud alle migliori idee presentate.

,

Secondo appuntamento, secondo successo: il “Pitch Day” è la premiata modalità con cui Aruba incontra il mondo startup, mettendo a disposizione le proprie risorse alla ricerca di sinergie con la creatività e l’entusiasmo di chi ha un’idea da portare a compimento. L’idea è vincente: Aruba mette alla prova le startup all’interno di una giornata che, più che di competizione, vive di comunione di idee e condivisione di soluzioni; il premio per le startup che meglio sanno esprimere il proprio valore non è in mero danaro, ma in un utile credito in risorse cloud.

Il Pitch Day sta diventando un momento di dialogo e condivisione, un laboratorio di idee che ci dà modo di confrontarci con startup davvero meritevoli. È sempre emozionante ascoltare i progetti concreti di giovani realtà che si stanno facendo strada e lavorano sodo per portare innovazione nel nostro paese

Così Stefano Cecconi, amministratore delegato Aruba, plaude l’iniziativa e tende la mano alle startup che ne sono uscite vincitrici: dietro le proposte dei giovani team partecipanti sono state ravvisate idee potenzialmente vincenti, alle quali il gruppo dona ora la disponibilità delle proprie infrastrutture cloud per poter far fiorire in business quella che ad oggi è semplice progettualità sulla carta.

Il pitch day di Aruba

Il pitch day si è tenuto ad Arezzo il 16 aprile presso il Data Center IT 1 di Aruba. Ogni team ha avuto 45 minuti di tempo a disposizione per raccontare la propria idea e il modo con cui intende portarla a compimento, cercando così di raccogliere i favori della giuria e di poter accedere alla potenza di calcolo “cloud” messa a disposizione nel premio finale. La giuria è stata composta attorno ai nomi di Stefano Cecconi (Amministratore Delegato), Stefano Sordi (Direttore Marketing) e Lorenzo Giuntini (Responsabile Ingegneria).

In gara si sono segnalate proposte quali CercaOfficina.it, Flazio e ConsiglioDigitale.it, tutti progetti di riconosciuta qualità. Al termine della prova sono stati però questi i progetti vincitori:

  • Viralize: «una piattaforma tecnologica che supporta le attività di advertiser, publisher e creator nell’ambito dell’online video, dall’advertising mirato fino alla distribuzione e monetizzazione di contenuti. […] Ad oggi, Viralize conta più di 1000 editori in Italia e può vantare clienti nazionali ed internazionali del calibro di Samsung, Heineken e Sammontana»;
  • Smart Domotics: «nasce per sviluppare, industrializzare e commercializzare sistemi elettronici integrati innovativi per il risparmio energetico e il monitoraggio degli edifici. Un progetto completamente made in Italy che combina la domotica con sostenibilità e risparmio e si caratterizza per la semplicità di utilizzo, la facilità nell’installazione ed un prezzo competitivo».

Il potenziale ravvisato nelle due idee è relativo ai margini di crescita raggiungibili proprio grazie alle risorse cloud. Se da una parte Viralize «potrà rispondere alla necessità di localizzare i propri dati in Italia, assicurando tempi di risposta più rapidi e tempi di caricamento dei video più veloci», dall’altra Smart Robotics «potrà espandere ulteriormente la propria infrastruttura, che già consente di raggiungere ogni apparecchio in remoto tramite sito e app, e contemporaneamente consentire a tutti gli utenti di usufruire di una serie di servizi collaterali forniti dall’intero sistema».

E mentre un sipario si chiude, un altro già si apre: i prossimi pitch day offriranno nuove opportunità “cloud” ad altre e ulteriori idee. L’invito è aperto a chiunque voglia mettere alla prova sé stesso e la propria startup.

La pagina per entrare nel programma Aruba Cloud Startup, e partecipare al Pitch Day, è disponibile online.

Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni