QR code per la pagina originale

Da Google un nuovo servizio di storage per le foto

In arrivo da Google, all'evento I/O 2015 di fine maggio, un nuovo servizio dedicato allo storage e alla condivisione delle fotografie indipendente da G+.

,

Tra le novità che Google presenterà la prossima settimana all’evento I/O 2015 di San Francisco potrebbe essercene una dedicata alla fotografia, più nel dettaglio allo storage delle immagini. L’indiscrezione arriva dalle pagine di Bloomberg, che cita una fonte rimasta anonima ma ritenuta affidabile. I dettagli resi noti sono pochi, ma comunque sufficienti per iniziare a formulare alcune ipotesi.

Ciò che rappresenta quasi una certezza è il fatto che il gruppo di Mountain View abbia intenzione di separare la gestione delle foto dalla piattaforma G+, rendendola di fatto indipendente dal social network. Una mossa chiesta a gran voce da una fetta non indifferente di utenti, che pur apprezzando gli ottimi strumenti per l’editing messi a disposizione hanno trovato limitante e poco versatile dover per forza di cose affidarsi a Google+ per l’upload e lo sharing degli scatti fotografici.

In altre parole, si potrebbe tornare ad una formula più simile a quella vista negli anni scorsi con Picasa. Dopotutto, è stato lo stesso Sundar Pichai a dichiarare lo scorso anno che la sezione Foto e lo stream dei post social saranno trattate in futuro come due entità separate. Non mancherebbe poi la possibilità di pubblicare liberamente le immagini su Facebook o Twitter.

Lavorando un po’ con la fantasia, è dunque possibile azzardare le seguenti ipotesi. La prima è che la sezione Foto di Google+ si staccherà dal social network e diventerà una piattaforma a sé stante, una sorta di contenitore in cui riversare le proprie fotografie su server cloud, con strumenti avanzati per la modifica e l’ottimizzazione. La seconda è la creazione di un’area fotografica all’interno di Google Drive, con uno spazio dedicato esclusivamente alle foto e tariffe proposte ad hoc per soddisfare questo tipo di esigenza. La terza, meno probabile, è l’arrivo di un servizio alternativo a Instagram sul quale costruire un nuovo social network dedicato esclusivamente alle immagini, magari sfruttando la tecnologia acquisita da Snapseed. Il gruppo di Mountain View non ha rilasciato commenti in merito.

Fonte: Bloomberg • Notizie su: ,