QR code per la pagina originale

WWDC 2015: iOS 9

Apple alla WWDC 2015 presente iOS 9, un sistema operativo basato sulle funzioni contestuali e automatiche, per agevolare la vita del possessore.

,

Dopo OS X El Capitan, arriva iOS 9. Si parte subito con Siri, un assistente vocale che supporta 1 miliardo di richieste la settimana dagli utenti. Oltre a una nuova interfaccia, Siri oggi comprende più comandi, anche contestuali: ad esempio, l’assistente può capire quando l’utente è in auto e, di conseguenza, adattare le proprie funzioni al contesto.

iOS 9: le novità

iOS 9 diventa quindi proattivo, nel senso che si adatta alle abitudini dell’utente. Ad esempio, se un consumatore ogni giorno va a correre ascoltando musica, inserendo le cuffie allo stesso orario il device iOS farà il resto, avviando la riproduzione e scegliendo la playlist. Inoltre, se un numero non è presente in rubrica, iOS può suggerire un probabile mittente al proprietario di un iPhone.

La ricerca si aggiorna supportando anche i risultati video, da YouTube, Vimeo, iTunes e molti altri. Inoltre, viene fornita un’API agli sviluppatori, così i contenuti possono essere ricercati anche all’interno delle applicazioni installate, con collegamenti diretti alle stesse.

iOS 9, riproduzione automatica

iOS 9, riproduzione automatica

Craig Federighi mostra una demo dal palco di tutte le funzioni contestuali e automatiche di cui iOS 9 è in grado. La mattina, sempre in via esemplificativa, il sistema operativo mostra un’app di meditazione, poiché il dirigente Apple è abituato a meditare al risveglio.

Collegando il cavo delle cuffie, inoltre, parte la riproduzione per il workout in palestra. Nel pomeriggio, invece, Craig ama prendere lezioni di canto con Trent Reznor, quindi il suo iPhone gli ricorda automaticamente l’appuntamento canoro. Siri può ricercare le fotografie sempre in base al contesto e, fatto molto comodo, lo scrolling nel Rullino Fotografico diventa velocissimo, istantaneo e altamente reattivo.

Tutte queste funzioni non intaccano la privacy dell’utente: i dati automatizzati non vengono condivisi con terzi, nemmeno con Apple, ma rimangono in pieno controllo del consumatore, unica persona che può accedere a queste informazioni.

Wallet

Wallet

Si prosegue quindi con le novità di Apple Pay, un servizio sempre più esteso tra banche ed esercizi pubblici negli Stati Uniti. Il lettore Square sarà ora compatibile con Apple Pay, quindi aumenteranno le applicazioni su App Store abilitate al servizio di pagamento. E non è tutto, poiché Apple Pay dal mese di giugno sarà disponibile nel Regno Unito, con 250.000 esercizi pubblici già abilitati, compresa la compatibilità con la metropolitana di Londra. Il micropagamento sarà inoltre in grado di memorizzare anche le tessere dei centri commerciali e dei negozi, per un utilizzo rapido di sconti e promozioni. Il tutto in Wallet, il nuovo nome di Passbook.

L’applicazione Note ora supporta la scrittura a mano, con comodi strumenti di disegno, quindi viene facilitata la condivisione di appunti e link con le altre app del sistema operativo. Il tutto con la possibilità di gestire intelligentemente i propri allegati, tra foto e video, naturalmente sfruttando la sincronizzazione con iCloud.

La funzione Mappe si arricchisce con Transit, un sistema per monitorare il servizio pubblico nelle cittadine, con orari di treni, metropolitane, bus e molto altro. Inoltre, oltre ai mezzi pubblici, le mappe offrono anche percorsi a piedi. Non ultimo, quando si seleziona un punto d’interesse sulla cartografia, il sistema segnalerà l’eventuale supporto ad Apple Pay.

iOS 9, news

iOS 9, news

Tra le nuove applicazioni arriva News, un sistema perfezionato per gli editori, con tipografia e formattazione avanzata, per avvicinare la fruizione di notizie dal Web alla carta stampata. L’esperienza è simile a molte applicazioni già disponibili su App Store, ad esempio Flipboard. Anche News è sempre progettato pensando alla privacy dell’utente, mentre gli editori USA già dal day one offriranno contenuti per la piattaforma. News partirà inizialmente in USA, Regno Unito e Australia.

iOS 9 su iPad

iOS 9 su iPad

La nona versione di iOS porta anche novità per iPad, per migliorare l’esperienza d’uso su tablet. A partire dalla tastiera, che diventa un trackpad all’occorrenza, per spostare il cursore oppure per incollare velocemente link ed allegati. Migliora anche il multitasking, ora navigabile a pannelli e con una colonna dedicata a lato dello schermo in modalità landscape, con la possibilità di utilizzare due o più app side-to-side. I video, invece, potranno essere fruiti in modalità picture-by-picture, quindi in sovrimpressione sulla finestra dell’app attiva. La split view, tuttavia, è disponibile su iPad Air 2, mentre il nuovo multitask da iPad Mini e successivi.

iOS 9 aumenta anche le performance del dispositivo: grazie a un nuovo sistema di gestione dell’energia, si possono raggiungere fino a tre ore in più di batteria sul tipico utilizzo quotidiano. Infine novità anche per i videogiochi, con nuovi kit per gli sviluppatori, così come anche per HomeKit, gestibile da remoto via iCloud, e CarPlay in modalità Wireless. A livello di programmazione. Swift arriva alla sua seconda versione e diventa opensource.

iOS 9 è disponibile da oggi per gli sviluppatori, a luglio in beta pubblica e in autunno per tutti i consumatori finali: supporta gli stessi dispositivi di iOS 8.

Galleria di immagini: iOS 9: le foto