QR code per la pagina originale

Google self-driving car sulla strada in California

La vettura a guida autonoma di Google ha iniziato a circolare sulle strade di Mountain View, in mezzo al traffico cittadino, dopo una lunga fase di test.

,

Avete notato niente di nuovo nelle strade di Mountain View, in California? I nostri più recenti veicoli prototipo sono pronti per la strada e alcuni di loro stanno già viaggiando in giro per la città!

Il processo di sviluppo della Google self-driving car compie in questi giorni un importante passo in avanti, preannunciato nei mesi scorsi: i veicoli a guida autonoma hanno iniziato a circolare nel traffico cittadino. In questa fase è presente a bordo un conducente in carne e ossa, pronto ad intervenire in caso di necessità, con la velocità limitata in modo del tutto automatico a 40 Km/h.

I prototipi di bigG sono progettati per gestire ogni aspetto della guida, dallo sterzo ai pedali, ma per garantire la massima sicurezza possibile durante i test al momento sono state applicati questi due accorgimenti. Il software presente a bordo, ossia l’insieme di codice e algoritmi che interpretano in tempo reale ciò che accade intorno al veicolo (mediante un complesso sistema di sensori e telecamere), è lo stesso equipaggiato sulle Lexus RX450h impiegate durante lo sviluppo del mezzo, percorrendo oltre un milione di miglia in ambiente controllato. Nell’occasione il gruppo di Mountain View invita tutti coloro che dovessero avvistare l’auto a lasciare un commento sulle pagine del sito ufficiale.

Iniziando a viaggiare nel vicinato, vogliamo sapere cosa ne pensano i nostri vicini.

Nei giorni scorsi si è parlato dell’ennesima iniziativa legata alla self-driving car di Google: si chiama Paint the Town ed è rivolta alla community di artisti californiani. Il motore di ricerca chiede loro di realizzare artwork da applicare poi alle portiere della vettura, trasformandola in una sorta di opera in mobilità. Il tema delle creazioni è “My community, my neighbors”, che tradotto sarebbe “La mia comunità, i miei vicini”. Il debutto commerciale della tecnologia è previsto indicativamente tra il 2018 e il 2020, forse in partnership con automaker di terze parti.