QR code per la pagina originale

YouTube: novità per i creatori di contenuti

Sono molte le novità destinate alla community di creatori attiva su YouTube che Google sta per introdurre: commenti, schede, video panoramici e altro.

,

Il successo di YouTube è legato a doppio filo con l’impegno profuso dai creatori di contenuti nel realizzare e caricare i filmati sulla piattaforma. Google lo sa bene ed è per questo motivo che mette continuamente in campo nuove iniziative finalizzate proprio a stimolare la community, scongiurando così l’esodo verso le alternative disponibili in Rete (Vimeo in primis) e garantendo un’ottima esperienza di intrattenimento sia su desktop che da mobile.

Oggi il gruppo di Mountain View anticipa alcune delle novità legate a YouTube Creators, con un video (visibile in streaming di seguito) che le sintetizza in poco più di quattro minuti. Si parla innanzitutto del sistema per l’ordinamento e la gestione dei commenti introdotto nell’autunno scorso, che ha contribuito a diminuire del 36% la percentuale dei “Non mi piace” e a mettere in secondo piano quelli definiti “spazzatura”. Per quanto riguarda le notifiche, invece, il team è al lavoro su una nuova tecnologia che avviserà gli iscritti non appena verrà caricata una clip, in modo più immediato ed efficace rispetto a quanto avviene oggi. Ancora, si parla delle schede che favoriscono l’interazione con altri canali e, più in generale, con i contenuti della piattaforma.

Sono previsti miglioramenti in relazione alla gestione delle iscrizioni da applicazione per smartphone e tablet, all’analisi delle statistiche, alla gestione dei video in mobilità (miniature, monetizzazione ecc.), al live streaming (anche attraverso l’app YouTube Gaming per i videogiochi che andrà a sfidare Twitch), ad una community interamente dedicata ai creativi e ai corsi della Creator Academy. Presto, infine, anche da mobile sarà possibile riprodurre filmati 3D o panoramici a 360 gradi. Tutte queste novità saranno introdotte nel corso dei prossimi mesi. Nessun cenno invece al debutto dell’applicazione YouTube Kids in territori diversi dagli Stati Uniti.