QR code per la pagina originale

Project Westminster, le web app su Windows 10

Microsoft ha fornito maggiori dettagli sul Project Westminster, il "ponte" che permette di trasformare le web app in app universali per Windows 10.

,

Durante la conferenza Build 2015, Microsoft ha illustrato agli sviluppatori le tecnologie che consentono di trasformare tutte le app attuali in app universali per Windows 10, sebbene il porting non sia perfetto al 100%. L’azienda di Redmond ha ora pubblicato ulteriori informazioni sul Project Westminster, uno dei “ponti” della Universal Windows Platform.

Windows 10 verrà distribuito ufficialmente il prossimo 29 luglio. Per quella data, Microsoft vuole offrire subito un ampio catalogo di applicazioni che garantiscono la piena compatibilità con il sistema operativo e il supporto per tutti i dispositivi. Project Westminster è stato creato per semplificare la conversione delle cosiddette “hosted web app” in app universali da pubblicare sul Windows Store. Il porting richiede solo sette passi, per i quali Microsoft fornisce una guida dettagliata.

Project Westminster è agnostico al flusso di lavoro scelto dallo sviluppatore. È infatti possibile utilizzare qualsiasi editor, repository e servizio di hosting per il deployment. Il “bridge” permette di adattare la web app a dispositivi diversi (PC, smartphone, tablet, Surface Hub, HoloLens, Xbox One e Raspberry Pi), eseguire il debug con gli strumenti di sviluppo F12 di Microsoft Edge, interagire con le API di Windows native dal codice JavaScript in esecuzione sul sito web e integrare le funzionalità di Windows 10, come i comandi vocali di Cortana e le live tile.

Gli altri tre “ponti” della Universal Windows Platform sono Project Astoria (porting delle app Android scritte in Java e C++), Project Islandwood (porting delle app iOS scritte in Objective C) e Project Centennial (porting delle app Win32 scritte in .NET).

Fonte: Microsoft • Via: Microsoft • Notizie su: , ,