QR code per la pagina originale

BBC micro:bit, computer programmabile per studenti

BBC micro:bit è una piccola scheda di sviluppo che può essere utilizzata per insegnare i rudimenti della programmazione agli studenti di 11-12 anni.

,

La BBC ha annunciato un piccolo computer che verrà utilizzato per insegnare la basi della programmazione agli studenti inglesi. BBC micro:bit è in realtà una scheda di sviluppo, realizzata in collaborazione con 29 partner, tra cui ARM, Samsung e Microsoft, ognuno dei quali ha fornito il proprio contributo al progetto che rientra nell’iniziativa Make It Digital 2015. Il micro computer verrà regalato alle scuole del Regno Unito entro fine ottobre e distribuito in tutto il mondo entro fine anno.

Micro:bit misura 4×5 centimetri e integra 25 LED disposti in una griglia 5×5, che possono essere utilizzati per visualizzare messaggi. Sulla scheda sono presenti anche cinque anelli I/O, ai quali è possibile connettere dispositivi o sensori esterni (ad esempio, motori o robot) e due pulsanti programmabili, che possono essere sfruttati come controller per i giochi o per scegliere i brani in una playlist. Sull’altro lato sono integrati il processore ARM Cortex M0 a 32 bit con modulo Bluetooth, una bussola digitale, un accelerometro e un connettore micro USB.

Il prototipo mostrato a marzo usava una batteria da orologio. Nella versione finale lo slot è stato rimosso e sostituito da un connettore per due batteria AA esterne. Questo cambiamento ha reso il micro:bit meno adatto ad un uso come dispositivo indossabile, ma ha aggiunto una maggiore flessibilità. La scheda può essere collegata ad altri device, come Arduino, Raspberry Pi e Galileo, per eseguire compiti più complessi.

Attraverso un sito dedicato che verrà attivato dopo l’estate, la BBC distribuirà il software necessario per la programmazione. Gli studenti potranno salvare i progetti nella loro area personale e testarli con un simulatore prima di trasferire il codice sul micro:bit. Microsoft ha creato una versione specifica della piattaforma TouchDevelop, attraverso la quale è possibile sviluppare app per smartphone, tablet e PC.

Fonte: BBC • Notizie su: