QR code per la pagina originale

Apple Watch: dai fornitori stime ridotte?

Dalle stime sulle spedizioni di un fornitore di componenti giungerebbero cifre al ribasso per Apple Watch, ma sull'analisi non vi sarebbe pieno accordo.

,

Continua il balletto delle cifre sui possibili dati di vendita di Apple Watch, in attesa che la società di Cupertino fornisca i numeri ufficiali della distribuzione dello smartwatch. Tra analisti soddisfatti e altri più pessimisti, con l’ultima previsione attorno ai 4 milioni di esemplari nell’ultimo quarto, giunge oggi un’indagine dai fornitori. Secondo le stime su uno dei partner di Apple, così come riporta il Wall Street Journal, le cifre di Apple Watch potrebbero essere sotto alle aspettative. Eppure, così come Tim Cook ha già spiegato in passato, questo tipo di analisi potrebbe non essere efficace nel stabilire la portata di un prodotto, poiché la catena di fornitura della Mela è molto complessa e non sempre interpretabile dall’esterno.

Le stime sui possibili dati vengono, come già anticipato, rilasciate dal The Wall Street Journal sulla base di alcune informazioni fornite da Mark Li, sulla base dei risultati fiscali di Advanced Semiconductor Engineering Inc. (ASE). La società, con base in Taiwan, è una delle aziende che produce alcune componenti per il chipset S1 utilizzato per Apple Watch.

Secondo quanto dichiarato, l’azienda non avrebbe raggiunto un volume di spedizioni pari a due milioni di unità al mese nel secondo quarto e, sempre secondo gli analisti oltreoceano, potrebbe non tagliare questo traguardo nemmeno del terzo. Di conseguenza, secondo la testata statunitense, Apple Watch “non starebbe vendendo così bene come atteso da alcuni analisti”.

Una simile prospettiva, tuttavia, si scontra con le dichiarazioni dello stesso Tim Cook a margine della presentazione dei risultati fiscali del Q3: il CEO, pur non rivelando le vendite esatte dello smartwatch, ha fatto sapere come il device si stia comportando “oltre le aspettative” dell’azienda. Inoltre, le analisi indipendenti effettuate da società terze, questa volta non basate sulle forniture bensì sulla presenza online dei dispositivi e su survey di post-vendita sui clienti, indicherebbero un range tra i 2.85 e i 5.7 milioni di dispositivi, con l’ultima stima di Strategy Analytics a quota 4 milioni di unità.

Così come già sottolineato in apertura e ricordato da MacRumors, Tim Cook già in passato ha messo in evidenza i limiti di trarre per inferenza dati da un singolo fornitore, poiché la catena di fornitura di Apple è molto complessa. Non resta che attendere, quindi, una dichiarazione ufficiale dalla California.

Galleria di immagini: Apple Watch, le foto di Webnews