QR code per la pagina originale

Twitter per iOS, design unificato su iPhone e iPad

A partire dalla versione 6.36, Twitter per iOS offrirà un'esperienza d'uso unificata e le stesse funzionalità su iPhone e iPad.

,

Twitter ha rilasciato un aggiornamento per iPad che offre un’esperienza d’uso simile a quella disponibile su iPhone. Con questa versione dell’app, l’azienda californiana ha dunque rimosso la distinzione tra Twitter per iPhone e Twitter per iPad. Da oggi esisterà solo Twitter per iOS, un’unica versione che adatta il contenuto in base alla dimensione del dispositivo. L’annuncio arriva poche ore prima dell’evento Apple, durante il quale verrà presentato il nuovo iPad Pro.

Sebbene condividano lo stesso codice, le due app per iPhone e iPad erano state progettate separatamente, ognuna su misura per la sua piattaforma. Ciò ha comportato un aumento dei tempi di sviluppo e quindi Twitter per iPad non aveva tutte le funzionalità incluse nella versione per iPhone. Tutto ciò appartiene ora al passato. L’azienda californiana ha infatti scelto una nuova filosofia di design basata sull’interfaccia utente adattativa che sfrutta il supporto per il layout flessibile introdotto da Apple in iOS 6 e ulteriormente migliorato in iOS 8.

La Timeline dovrebbe offrire la stessa esperienza di lettura, indipendentemente dal dispositivo. Twitter ha quindi modificato il layout dell’interfaccia, tenendo conto della dimensione dello schermo e dell’area visibile, l’orientamento (orizzontale o verticale) e gli elementi tipografici. La nuova versione unificata dell’app modifica la dimensione dei caratteri in base alla dimensione del display (smartphone o tablet), il modo in cui le informazioni sono visualizzate e semplifica l’interazione con i contenuti. Twitter per iPad, ad esempio, sfrutterà il multitasking/split view di iOS 9, consentendo lo snapping di due app (esecuzione side-by-side).

Il nuovo approccio permetterà di aggiungere funzionalità in modo più rapido e supportare i futuri dispositivi, senza apportare grandi cambiamenti al codice dell’applicazione.

Fonte: Twitter • Notizie su: