QR code per la pagina originale

BlackBerry Venice, lo smartphone Android in video

Un rivenditore online ha pubblicato un video in cui viene mostrato il BlackBerry Venice, il primo smartphone Android del produttore canadese.

,

Dopo una pausa di circa tre settimane, il BlackBerry Venice torna nuovamente al centro dell’attenzione dei media con un video pubblicato da un rivenditore canadese. Lo smartphone Android, che verrà distribuito negli Stati Uniti dai principali operatori telefonici, è di tipo slider, ovvero è presente una tastiera QWERTY fisica che scorre sotto lo schermo. Il primo dispositivo BlackBerry basato sul sistema operativo Google dovrebbe essere annunciato a novembre.

Per quanto riguarda la dotazione hardware non ci sono novità rispetto alle precedenti indiscrezioni. Il Venice possiede uno schermo “dual edge” di 5,4 pollici con risoluzione Quad HD e integra un processore Snapdragon 808 a 1,8 GHz, affiancato da 3 G di RAM. La fotocamera posteriore è invece da 18 Megapixel con doppio flash LED. Gli slot microSD e SIM sono posizionati sulla parte superiore del telaio, mentre l’audio è veicolato attraverso gli altoparlanti frontali. Il video mostra il funzionamento della tastiera in modalità touch. In modo analogo al BlackBerry Passport, l’utente può usare lo swipe per scorrere lo schermo, come un trackpad.

L’interfaccia è chiaramente quella di Android 5.0 Lollipop con le icone delle app Google, ma ci sono alcuni interessanti differenze. Quando viene premuto il pulsante Home vengono visualizzati i collegamenti alla BlackBerry Device Search (ricerca universale) e al BlackBerry Hub (email, SMS, messaggi), oltre a Google Now.

Dalle immagini pubblicate la scorsa settimana dal sito Android Authority si notano anche le sezioni dei widget e degli shortcut. BlackBerry ha inoltre modificato l’app switcher di Android. Invece delle schede sovrapposte, lo smartphone visualizza le app in esecuzione all’interno di schede affiancate, la cui dimensione varia in base alla frequenza d’uso. Oltre ai servizi BlackBerry, l’utente troverà ovviamente tutti i servizi Google.

Fonte: VentureBeat • Notizie su: