QR code per la pagina originale

Alphabet: “abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com”

Google ha richiesto e ottenuto la gestione del dominio Internet "http://abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com.com/" dedicato alla nuova parent company Alphabet.

,

La profonda ristrutturazione in atto presso il gruppo di Mountain View, culminata la scorsa settimana con il debutto del nuovo titolo Alphabet sul mercato azionario, passa anche da iniziative come l’ottenimento di un dominio Internet. Quello richiesto e ottenuto da Google è piuttosto particolare: “http://abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com”, ovvero l’intero alfabeto.

Da un controllo emerge che il dominio è stato acquistato la prima volta nel 1999, per poi restare inutilizzato. Al momento l’indirizzo non porta ad alcuna pagina, ma non è da escludere l’ipotesi che in futuro l’azienda possa impiegarlo in qualche modo, forse come un redirect verso il più breve abc.xyz, attuale homepage di Alphabet. Qui è specificato che, nel linguaggio del gruppo, “G è per Google”, così come “L” sta ad indicare Life Sciences. Di seguito un grafico che mostra il nuovo assetto societario del colosso californiano, in cui bigG è diventata una sussidiaria così come Fiber, Calico, Google Ventures, Nest e Google Capital. Un portavoce ha così commentato l’iniziativa.

Ci siamo resi conto di aver lasciato fuori alcune lettere con abc.xyz, dunque abbiamo rimediato.

La struttura società di Alphabet-Google

La struttura società di Alphabet-Google (immagine: Wikipedia).

I progetti legati all’ecosistema Android, il motore di ricerca, la piattaforma YouTube, i servizi di Apps, le mappe e l’advertising continuano invece a far parte della divisione Google, ora sotto la direzione del nuovo CEO Sundar Pichai. Larry Page e Sergey Brin, i due co-fondatori, si sono invece spostati in Alphabet. L’obiettivo principale del cambiamento è quello di fornire all’intera azienda la possibilità di ampliare ancor di più il proprio raggio d’azione, andando a sperimentare in settori ed ambiti differenti da quelli toccati fino ad oggi, proseguendo dunque sulla strada imboccata nel corso degli ultimi anni, ma con una maggiore libertà.

Una curiosità: “alphabet.com” è proprietà del marchio BMW, mentre “abc.com” appartiene ovviamente alla celebre emittente televisiva. Al momento non è dato a sapere quanto Alphabet abbia sborsato per mettere le mani su “abcdefghijklmnopqrstuvwxyz.com”.

Fonte: DomainInvesting • Via: Re/code • Notizie su: ,