QR code per la pagina originale

Skype risarcisce gli utenti per il blackout

Skype ha iniziato a contattare gli utenti offrendo loro un risarcimento per i disagi occorsi il 21 settembre quando il servizio è andato in blackout

,

Lo scorso 21 settembre Skype aveva lasciato a piedi moltissimi suoi utenti per quasi un’intera giornata a casa di alcuni problemi tecnici. Un guasto che aveva generato anche aspre polemiche sull’affidabilità del servizio e sulla lentezza con cui i problemi era stati risolti. Nonostante le ampie scuse fornite da Skype subito dopo aver ristabilito il corretto funzionamento del servizio, sembra adesso che la nota piattaforma di comunicazione di Microsoft voglia “rimborsare” gli utenti del disagio facendo loro un regalo.

Come segnalato da alcuni utenti, Skype avrebbe iniziato ad inviare alcune comunicazioni, in cui, scusandosi ulteriormente per il disagio occorso, offrirebbe o un prolungamento gratuito dell’abbonamento in corso o la possibilità di effettuare un certo numero di chiamate gratuite. In particolare, Skype, agli “utenti regolari” starebbe offrendo la possibilità di poter effettuare 20 minuti di chiamate gratuite al giorno per chiamare i numeri fissi e mobile di tutto il mondo per una settimana (verso rete fissa in 60 nazioni e verso rete mobile in 8 nazioni). Non è ancora chiaro se questa iniziativa coinvolgerà tutti gli utenti o solo una parte. Quello che è certo è che Skype ha intenzione di offrire una qualche forma di risarcimento per i problemi del 21 settembre.

Trattasi, dunque, di un’iniziativa molto positiva che non può che migliorare la già ottima immagine di Skype. Si ricorda, che i problemi di Skype sono iniziati attorno alle 10 di mattina del 21 settembre e si sono protratti sino alla sera inoltrata quando i tecnici sono riusciti a risolvere il guasto. Il guasto tecnico è stato spiegato come una modifica al sistema più ampia del solito che non sarebbe stata gestita correttamente da alcune versioni di Skype che semplicemente hanno disconnesso gli utenti dal network. Il tentativo di riconnessione ha generato un intenso traffico che ha causato il disagio.

Fonte: Microsoft News • Notizie su: ,