QR code per la pagina originale

Google Libri non infrange il copyright

Una corte d'appello statunitense ha stabilito nei giorni scorsi che il servizio Google Libri (Books negli USA) non viola in alcun modo il diritto d'autore.

,

Nella giornata di venerdì una corte d’appello di New York ha stabilito che la piattaforma online messa in campo da Google per effettuare la scansione di milioni di libri non costituisce una violazione delle leggi sul copyright, come invece sostenuto dall’accusa mossa da parte di un gruppo di autori (indipendenti e appartenenti alla Authors Guild), secondo i quali l’attività del servizio avrebbe influito negativamente sui propri guadagni.

Il verdetto sancisce che Google Libri (Books oltreoceano) fornisce un servizio al pubblico e non viola in alcun modo le proprietà intellettuali. Si conclude così uno scontro legale di lunga data, avviato nell’ormai lontano 2005, ad un solo anno di distanza dalla messa in campo dell’iniziativa da parte di bigG. Il gruppo di Mountain View ha sempre sostenuto il contrario, che anziché danneggiare chi scrive, la piattaforma costituisce un valido strumento promozionale per autori e case editrici, poiché consente a chiunque di trovare volumi che altrimenti non sarebbero mai stati presi in considerazione, spingendo inoltre all’acquisto vero e proprio.

La divisione delle pagine da parte di Google in piccoli snippet è pensata per mostrare a chi effettua la ricerca solamente il testo che circonda il termine cercato, permettendogli di valutare se il libro è adatto a soddisfare il proprio interesse, senza svelare troppo e dunque senza rappresentare un pericolo per gli autori.

Queste le parole del giudice Pierre Leval, alle quali si aggiungono quelle di Aaron Stein, portavoce Google, intervenuto sulla questione attraverso le pagine di Reuters.

La decisione odierna ribadisce quanto ci dicono le persone che utilizzano il servizio: Google Libri fornisce loro uno strumento utile e facile per trovare volumi che vogliono leggere e comprare, sostenendo al tempo stesso i benefici di chi ne detiene il diritto d’autore.

Fonte: Reuters • Notizie su: