QR code per la pagina originale

Canone RAI, 6 rate da 16,66 euro

Il Canone RAI si pagherà in bolletta dal 2016 in 6 rate da 16,66 euro; per gli evasori una multa da 500 euro e possibili conseguenze penali

,

Nel 2016, il Canone della RAI costerà 100 euro e si pagherà all’interno della bolletta elettrica in 6 rate da 16,66 euro l’una. La tassa sul possesso della televisione che tanto sta facendo discutere in questi giorni sarà abbinata solo alle utenze elettriche domestiche del luogo di residenze. Dunque, gli utenti pagheranno la tassa solamente per l’appartamento in cui vivono. Esclusi gli uffici, i negozi, le aziende e le seconde case a patto che non sia state date in affitto a terzi in cui abbiano spostato la residenza.

Anche gli affittuari, infatti, avranno l’obbligo di pagare il Canone nel caso di spostamento della loro residenza negli immobili affittati. Restano tuttavia ancora da chiarire alcuni dettagli tecnici come per esempio la gestione degli utenti che non pagano la tassa e le metodologie per richiedere l’esenzione del pagamento. Inoltre, rimane il problema principale della gestione della riscossione del Canone. In Italia ci sono oltre 460 aziende elettriche che in tempi brevissimi dovranno attrezzarsi per richiedere la tassa ai loro utenti nelle modalità previste dalla legge. Un dettaglio non da poco perché se le aziende non comunicheranno eventuali evasori pagheranno anche loro un’ammenda di 30 euro a segnalazione mancata. Ma per poter garantire la massima efficienza, le aziende elettriche dovranno dialogare tra loro scambiandosi i dati delle utenze. Un problema non da poco che le società conterebbero di risolvere dal punto di vista tecnico entro giugno con il Governo, però, che spinge che già da gennaio l’intero sistema sia in perfetta efficienza.

Per quanto riguarda i “furbetti” è stata confermata la multa di 500 euro con un’ulteriore novità. Per poter ricevere l’esenzione, agli utenti dovrebbe essere richiesta una sorta di autocertificazione da inviare all’Agenzia delle Entrate. Nel caso però che gli utenti dichiarassero il falso, oltre all’ammenda di 500 euro si potrebbe presentare anche una denuncia penale per la violazione della legge 445 del 2000 sull’autocertificazione. Tutto questo in teoria perché sarà da verificare nel concreto come si muoverà il Governo per stanare e punire gli evasori.

Commenta e partecipa alle discussioni
  • 20/10/2015 alle 19:26 #478935

    Massimo
    Membro

    Legge con molte ombre e poche luci.

    L’aspetto più negativo è che in modo molto subdolo è stata aumentata ancora la cifra che ingoia questo carrozzone di stato, gestito dai politici in modo indegno per interessi personali. Basta fare 2 conti considerando l’alta percentuale di evasione attuale e la piccola riduzione del canone prevista: a spanne la RAI avrà un 15% in più da dilapidare.

    Si sono vendute e svendute tante aziende di stato ben più utili della RAI: tutti ci auguriamo una politica più seria che privatizzi la RAI, ormai inutile. Se vogliamo parlare di cultura la RAI deve essere solo su internet e costare un centesimo di quanto costa ora.

    Una cosa positiva: finalmente i negozi possono mettere dei TV in vetrina con una chiavetta USB per fare vedere le loro proposte commerciali. Finora la RAI li rapinava pretendendo un canone: come risultato dovvamo importare dei monitor molto più cari, tutti soldi che andavano all’estero grazie alla RAI.

    Altra cosa positiva è fare emergere l’enorme numero di case abusive costruite al sud, che non pagano tasse e che noi dobbiamo mantenere. Ma c’è qualche speranza di farli pagare o di abbattere le case? Non  credo, perché ci sono troppi parlamentari che per qualche voto si venderebbero anche la madre.