QR code per la pagina originale

Google e Mediaset: accordo raggiunto su YouTube

Dopo quasi otto anni di contenziosi, arriva la stretta di mano ufficiale tra Google e Mediaset in merito alla presenza dei contenuti del gruppo su YouTube.

,

Google/YouTube e il Gruppo Mediaset hanno concluso oggi un significativo accordo di collaborazione. L’intesa apre nuove prospettive nei rapporti tra i due player e pone contemporaneamente fine a quasi otto anni di contenziosi.

È un accordo importante quello siglato dal Gruppo Mediaset e da Google, in relazione ai contenuti messi a disposizione per lo streaming sulla piattaforma YouTube. Una stretta di mano che giunge dopo un periodo molto lungo costellato di battaglie legali, denunce relative alla violazione del copyrightricorsi.

L’intesa è stata annunciata oggi, per mezzo di un comunicato stampa in cui viene anticipata la messa in atto di una partnership finalizzata alla presenza di contenuti Mediaset sia su YouTube che sul servizio Google Play. Al momento non è dato a sapere a quale tipologia di video si faccia riferimento. Vale però la pena ricordare che buona parte delle contese tra le due aziende viste negli anni scorsi ha ruotato intorno alla condivisione di filmati relativi alla trasmissione Grande Fratello, il reality show in onda con la nuova edizione proprio in queste settimane nel palinsesto del gruppo di Cologno Monzese. Questo un estratto dal comunicato.

L’accordo mira allo sviluppo della presenza digitale dei contenuti Mediaset attraverso una partnership con YouTube e con Google Play. Si avvia inoltre una strategia congiunta per la protezione dei contenuti in ordine alla massima tutela del copyright dell’editore. Google/YouTube e il Gruppo Mediaset si danno reciprocamente atto dello spirito positivo con cui si è giunti a una collaborazione proficua e soddisfacente per il futuro delle due società.

La collaborazione potrebbe dunque portare alla pubblicazione, in via ufficiale, dei contenuti targati Mediaset sui server di YouTube, così come su quelli della piattaforma Google Play. In questo modo l’azienda milanese potrebbe beneficiare di un pubblico di spettatori più ampio e, al tempo stesso, Google assicurarsi la possibilità di mettere online i video senza incappare in violazioni del diritto d’autore.

Notizie su: ,