QR code per la pagina originale

Microsoft riconosce le emozioni delle persone

Microsoft ha realizzato un software basato sul machine learning in grado di riconoscere lo stato d'animo delle persone partendo da una loro foto

,

All’inizio di quest’anno, Microsoft aveva presentato uno strumento che puntava a riconoscere l’età delle persone partendo da una singola fotografia. Ora, la casa di Redmond vuole indovinare lo stato d’animo degli utenti sempre partendo da una semplice fotografia.

Annunciato durante la conferenza Future Decoded nel Regno Unito, questo software è in grado di riconoscere il volto della persona e di analizzarlo attribuendo un punteggio su una serie di emozioni differenti. In altri termini, questa nuova tecnologia di Microsoft prova a misurare stati d’animo come la rabbia, il disprezzo, il disgusto, la paura, la felicità, la tristezza e la sorpresa. Il software ideato come esercizio di stile dalla casa di Redmond si basa sul machine learning, dunque, la piattaforma andrà a migliorare l’affidabilità delle sue risposte con il tempo apprendendo dai suoi errori. Microsoft, per i più curiosi, ha reso disponibile anche una demo dove testare il software direttamente online. Le risposte potranno in molti casi non essere precise ma sicuramente trattasi di un test molto divertente.

Microsoft riconosce le emozioni delle persone

Microsoft riconosce le emozioni delle persone (immagine: Microsoft).

Basato sulle “Emotion Api” della casa di Redmond, questo strumento online fa parte dei molti progetti legati a “Project Oxford“. Microsoft non ha fatto alcune menzione sulla possibile futura disponibilità di questi strumenti all’interno dei suoi software o servizi ma sembrerebbero perfettamente adatti per essere implementati in futuro all’interno dei servizi legati al motore di ricerca Bing.

Tutti i curiosi interessati a testare la validità di questa piattaforma di Microsoft dovranno semplicemente caricare un’immagine che dovrà essere di almeno di 4 MB e maggiore di 36×36 pixel. Formati supportati JPEG, PNG, GIF e BMP.

Fonte: Microsoft • Via: The Next Web • Immagine: Microsoft • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni