QR code per la pagina originale

L’Ora del Codice: eventi Apple per i bambini

Anche per quest'anno Apple organizza l'Ora del Codice, un'iniziativa gratuita rivolta ai bambini per la settimana dell'insegnamento dell'informatica.

,

Un’ora di codice, una vita di opportunità. È con questo claim che Apple rinnova, anche per quest’anno, una delle iniziative più originali di sempre. In occasione della settimana dedicata all’insegnamento dell’informatica, dal 7 al 13 dicembre, la società di Cupertino partecipa al progetto “Hour of Code”, pensato per insegnare ai bambini gli elementi di coding. L’idea, lanciata nel 2013, ha già ospitato piccoli programmatori da tutto il mondo.

Tutti gli Apple Store del mondo, compresi i 16 italiani, ospiteranno dei workshop gratuiti il prossimo 10 dicembre. Un progetto per dimostrare come il coding sia un’attività soddisfacente e divertente, demistificando le ingiuste dicerie su questa pratica fondamentale per il futuro dell’informatica, quindi dimostrando come tutti ne possano imparare le basi. L’evento è aperto a tutti i bambini di età superiore ai sei anni, tramite l’iscrizione gratuita sulla pagina dedicata del sito ufficiale Apple.

“Hour of Code” è una campagna di Code.org, pensata per coinvolgere decine di milioni di studenti in attività divertenti e gratificanti, volte a insegnare loro un’ora di informatica. Apple ha deciso di sposare immediatamente questa iniziativa, anche perché gli Apple Store sono da sempre un luogo d’apprendimento, dove chiunque può imparare dallo staff targato mela morsicata oppure dagli altri appassionati. Da sempre Apple offre corsi di formazioni e seminari quotidiani gratuiti, per aiutare i clienti a ottenere il massimo dai prodotti e dai servizi a marchio mela. E si coprono davvero tutte le necessità, dalla fotografia ai video con iPhone, fino all’editing su Mac.

Come già anticipato, l’iscrizione agli eventi del 10 dicembre è molto semplice: dalla pagina ufficiale del sito Apple è sufficiente scegliere l’Apple Store di propria preferenza, quindi compilare i brevi campi disponibili. Nel frattempo, dalla pagina di Code.org si possono trovare corsi gratuiti, sia online che dal vivo, pensati tutto l’anno sia per i piccoli che per gli adulti, anche fra i neofiti.

Fonte: L'ora del codice • Via: Code.Org • Immagine: Apple • Notizie su: , ,
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 02/12/2015 alle 20:30 #491345

    Massimo
    Membro

    Che tutti possano imparare a programmare è ovvio e molti linguaggi sono veramente facili. In Italia c’è sempre il problema di una diffusa incapacità di ragionamento logico a causa della della cultura umanistica corredata da una cronica ignoranza diffusa. Ad esempio su 300 studenti universitari ne ho trovati solo 3 capaci di fare una proporzione. Pensiamo anche a tutti quelli che sostengono di non essere in grado di apprendere la matematica: ovvio che sarebbero capacissimi, se non fossero condizionati da un contesto educativo da terzo mondo quale è quello italiano.

    Quindi queste iniziative sarebbero lodevoli, se non fossero così spudoratamente commerciali: i genitori ignoranti si convincono così che il MAC è più facile e non capiscono che invece costa il doppio o il triplo di prodotti con cui lavorerebbero molto meglio nel mondo reale. Infatti il MAC rappresenta un 5% del mercato, il PC circa il 90%, quindi le sue funzionalità sono lo standard di fatto. dato che i due sistemi sono alquanto diversi e spesso incompatibili. Imparare a usare il MAC significa poi avere un sacco di problemi nella vita reale per le sue incompatibilità coi sistemi di uso comune.