QR code per la pagina originale

Censis: vola la spesa per i consumi tecnologici

In Italia volano i consumi tecnologici che battono la crisi economica; il Censis ha evidenziato che gli italiani rinunciano a tutto ma non all'high tech

,

Gli italiani possono rinunciare tutto tranne alla tecnologia. Secondo, infatti, il 49° Rapporto del Censis che scatta una fotografia dell’Italia, vola la spesa per i consumi tecnologici che batte addirittura la crisi economica. Infatti, il rapporto evidenzia come tra il 2007, l’anno prima dell’inizio della crisi, e il 2014, la voce “telefonia” ha più che raddoppiato il suo peso nelle spese degli italiani (+145,8%), superando i 26,8 miliardi di euro nell’ultimo anno, mentre nello stesso arco di tempo i consumi complessivi flettevano del 7,5%, la spesa per l’acquisto dei libri crollava del 25,3% e le vendite giornaliere di quotidiani passavano da 5,4 a 3,7 milioni di copie (-31%).

Non si tratta di uno sperpero ma bensì di un investimento. Usare internet per informarsi, per prenotare viaggi e vacanze, per acquistare beni e servizi, per guardare film o seguire partite di calcio, per svolgere operazioni bancarie o entrare in contatto con le amministrazioni pubbliche, ha significato spendere meno soldi, o anche solo sprecare meno tempo: in ogni caso, guadagnare qualcosa. Si sta così sviluppando una economia della disintermediazione digitale che sposta la creazione di valore da filiere produttive e occupazionali consolidate in nuovi ambiti. La ricerca in rete di informazioni su aziende, prodotti, servizi coinvolge il 56% degli utenti del web.

Segue l’home banking (46,2%) e un’attività ludica come l’ascolto della musica (43,9%, percentuale che sale al 69,9% nel caso dei più giovani). Fa acquisti su internet ormai il 43,5% degli utenti del web, ovvero 15 milioni di italiani. Guardare film (25,9%, percentuale che sale al 46% tra i più giovani), cercare lavoro (18,4%), telefonare tramite Skype o altri servizi VoIP (16,2%) sono altre attività diffuse tra gli utenti di internet.

L’internet, del resto, è entrato stabilmente a far parte della vita degli italiani. Il 49° Rapporto del Censis evidenzia, infatti, come gli utenti di internet continuano ad aumentare (+7,4%), raggiungendo una penetrazione del 70,9% della popolazione italiana. Le connessioni mobile mostrano una grande vitalità, con gli smartphone forti di una crescita a doppia cifra (+12,9%) che li porta oggi a essere impiegati regolarmente da oltre la metà degli italiani (il 52,8%), e i tablet praticamente raddoppiano la loro diffusione e diventano di uso comune per un italiano su quattro (26,6%). Aumenta ancora la presenza degli italiani sui social network, che vedono primeggiare Facebook, frequentato dal 50,3% dell’intera popolazione e addirittura dal 77,4% dei giovani under 30, mentre Youtube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani) e il 10,1% degli italiani usa Twitter.

Fonte: Censis • Immagine: MillwardBrown • Notizie su: