QR code per la pagina originale

Mark Zuckerberg contro Donald Trump

Mark Zuckerberg contro Donald Trump sulla messa al bando dei musulmani in America; per loro le porte di Facebook saranno sempre aperte

,

Mark Zuckerberg ha voluto dire la sua sulle dichiarazioni del candidato alle presidenziali per i Repubblicani Donald Trump che ha chiesto al Congresso americano di vietare l’ingresso a tutti i Musulmani all’interno del territorio americano. Il CEO di Facebook, attraverso un lungo post sul suo profilo sul social network, ha, dunque, invitato il mondo a non soccombere al cinismo nonostante l’odio di alcune persone, evidenziando di sentirsi particolarmente vicino alle comunità musulmane che dopo gli attentati di Parigi si sentono perseguitate a causa delle azioni di pochi.

Il riferimento alle dichiarazioni di Donald Trump appare dunque evidente anche se nel post su Facebook il nome del candidato repubblicano non è in alcun modo presente. In particolare, Mark ha voluto esprimere il suo pieno sostegno alla comunità musulmana evidenziando come su Facebook siano assolutamente i benvenuti e che si batterà affinché i loro diritti siano protetti. Un messaggio forte e molto chiaro che conferma quanto detto più volte in passato dallo stesso Zuckerberg da sempre impegnato a sostenere idee liberali e di tolleranza. Del resto, se così non fosse, verrebbe meno uno dei principali obiettivi di Facebook che è quello di collegare le persone di tutto il mondo. Zuckerberg ha ammesso, comunque, che l’odio di alcune persone può rendere più facile cadere nel cinismo ma è altrettanto importante non perdere mai la speranza.

Mark Zuckerberg ha, dunque, deciso di schierarsi apertamente a fianco delle comunità musulmane finite tutte nell’occhio del ciclone a seguito degli attentati di Parigi con alcuni politici che hanno approfittate degli eventi per condurre dure campagne d’odio per le loro campagne elettorali.

Comportamenti che Mark Zuckerberg condanna evidenziando, all’interno del suo post, come:

Finché staremo insieme e vedremo ciò che c’è di buono in ciascuno di noi, potremo costruire un mondo migliore per tutti.

Fonte: TechCrunch • Via: Facebook • Immagine: Overpasses for America • Notizie su: ,