QR code per la pagina originale

Windows 10, aggiorna adesso o aggiorna stanotte

Microsoft continua ad incentivare gli utenti a passare a Windows 10; lo strumento Get Windows 10, adesso, forza maggiormente gli utenti alla migrazione

,

Windows 10 ha avuto un debutto molto positivo con un crescente tasso di adozione tanto che due mesi fa erano già 110 milioni i dispositivi che disponevano di questa piattaforma software. Sebbene la nuova piattaforma stia ottenendo un ottimo consenso, Microsoft sta facendo di tutto per incentivarne ulteriormente l’adozione con alcune scelte per qualcuno anche un po’ troppo invasive.

L’ultima novità riguarda lo strumento “Get Windows 10” (Ottieni Windows 10) che secondo alcuni report sarebbe stato aggiornato ed offrirebbe, adesso, poca scelta agli utenti spingendoli ancora di più ad effettuare l’update. la nuova finestra di dialogo mostrerebbe, infatti, due sole opzioni “Aggiorna adesso” o “Aggiorna stanotte” senza, all’apparenza, offrire ulteriori opzioni per rimandare ulteriormente l’aggiornamento. Per gli utenti rimane sempre la possibilità di chiudere la finestra cliccando sul consueto bottone con la X dentro, tuttavia i meno esperti potrebbero pensare che la chiusura della finestra possa portare a qualche conseguenza visto che è esplicitato che l’aggiornamento a Windows 10 rimarrà gratuito solo a tempo determinato.

Windows 10, aggiorna adesso o aggiorna stanotte

Windows 10, aggiorna adesso o aggiorna stanotte (immagine: Infoworld).

Qualcuno, infatti, potrebbe dedurre che chiudendo la finestra l’installazione dell’aggiornamento potrebbe essere compromessa. La versione precedente di “Get Windows 10” risultava, infatti, meno invasiva. Gli utenti, all’interno della finestra di dialogo, precedentemente trovavano la possibilità di avviare immediatamente l’aggiornamento o di eseguire il download ma di avviare l’installazione di Windows 10 in un secondo momento.

Microsoft dunque, punta a voler convincere gli utenti Windows 7 e Windows 8.1 ad effettuare quanto prima l’aggiornamento a Windows 10. Visti gli investimenti ed il grande lavoro di sviluppo che sta portando avanti la società, trattasi di una scelta comprensibile anche perché in futuro, il baricentro dei servizi e soluzioni di Microsoft sarà sempre e solo Windows 10, indipendentemente dalla piattaforma hardware utilizzata.