QR code per la pagina originale

iPhone 7: prime immagini della retroilluminazione

Appare in rete il primo leak delle componenti di iPhone 7, con un nuovo pannello di retroilluminazione: vi sarebbero piccole novità per 3D Touch.

,

Mancano ancora molti mesi al lancio di iPhone 7, una famiglia di device che potrebbe vedere la luce il prossimo settembre. Eppure, nonostante la generosa distanza temporale, già spuntano online i primi leak delle componenti interne. Nella giornata di ieri, infatti, una fonte cinese ha pubblicato quello che potrebbe essere il pannello di retroilluminazione del futuro smartphone, una parte che potrebbe rivelare piccole novità per 3D Touch. Al momento, naturalmente, nessuna conferma ufficiale giunge dalle parti di Cupertino.

La componente è stata pubblicata da Apple.club.tw, un blog di Taiwan, a seguito di uno scambio con fonti rimaste anonime sul servizio di messaggistica WeChat. Le immagini mostrano un panello di retroilluminazione leggermente differente da quello incluso negli attuali iPhone 6S, un fatto che suggerirebbe delle piccole migliore sul fronte di 3D Touch.

3D Touch è la tecnologia voluta da Apple per rilevare la forza della pressione sullo schermo: nell’applicazione per iPhone, dei sensori misurano le microvariazioni della distanza tra il vetro dello schermo e il pannello di retroilluminazione, distinguendo così tra un semplice tocco e una pressione più generosa sul device. Rispetto alla componente inserita in iPhone 6S, il leak odierno mostra dei connettori flessibili in una nuova posizione, nonché delle piccole differenze proprio in tema di connessione dei circuiti 3D Touch alla scheda logica. Inoltre, così come sottolineato da AppleInsider, su uno di questi cavi sarebbe riportato un quasi impercettibile logo della mela morsicata.

Il fatto che Cupertino possa aver modificato la tecnologia alla base di 3D Touch non stupisce, anche poiché da mesi la società californiana starebbe cercando una soluzione per rendere l’innovazione scalabile, affinché possa essere applicata anche a schermi di grandi dimensioni, come quello di iPad. Al momento, però, la modifica dei connettori flessibili non è sufficiente per confermare questa transizione. A questo si aggiunga, infine, come i pannelli ritratti non permettano di ricavare alcuna informazione sull’eventuale design della nuova generazione di iPhone 7.

Commenta e partecipa alle discussioni