QR code per la pagina originale

Nuovi uffici per YouTube a San Bruno

L'attività di YouTube è in continua espansione: lo dimostra l'acquisto da parte del team di nuovi edifici vicino al quartier generale dell'azienda.

,

Con un investimento quantificato in 215 milioni di dollari, YouTube ha acquisito un nuovo complesso di uffici nell’area di San Bruno, vicino all’attuale quartier generale dell’azienda. La struttura si chiama Bayhill Office Center e occupa una superficie complessiva pari a poco più di 51.000 metri quadrati, suddivisi in cinque edifici.

Il venditore è Hudson Pacific Properties, che aveva rilevato la proprietà solo lo scorso anno da Blackstone Equity Office. Dai vertici della piattaforma non sono giunti comunicati o commenti in merito, ma la notizia è stata riportata sulle pagine del Silicon Valley Business Journal. Al momento non è dato a sapere nemmeno quali siano le intenzioni del gruppo: è comunque probabile che gli attuali inquilini, tra i quali figurano anche Walmart Labs e Oracle, saranno costretti a cercare un’altra sistemazione. Google ha infatti dichiarato più volte che i propri sforzi economici nel campo immobiliare sono finalizzati esclusivamente alla collocazione della propria forza lavoro, come sottolineato dal dirigente Jay Bechtel nel mese di ottobre.

Ci piacciono i nostri inquilini, ma abbiamo bisogno dello spazio. La verità è che virtualmente qualsiasi cosa che abbiamo comprato ha come finalità l’occupazione, non un investimento.

Gli edifici acquistati da YouTube a San Bruno

Gli edifici acquistati da YouTube a San Bruno (immagine: Silicon Valley Business Journal).

Tra le ipotesi sull’impiego delle strutture anche quella che punta alla creazione di nuovi studi da destinare alla creazione dei contenuti che poi finiranno in streaming, come già avvenuto in altre città come Los Angeles. Nei piani della società potrebbe esserci inoltre l’allestimento di uffici all’interno dei quali posizionare il personale al lavoro su YouTube Red, la nuova formula premium a pagamento (9,99 dollari al mese) proposta agli utenti e lanciata nel mese di ottobre negli Stati Uniti, che elimina ogni forma di inserzione pubblicitaria durante la riproduzione dei filmati.

Commenta e partecipa alle discussioni