QR code per la pagina originale

Spotify Video in arrivo su Android e iOS

L'integrazione delle clip video nello streaming musicale di Spotify è ormai alle porte: si partirà dall'app Android, per poi interessare anche quella iOS.

,

La piattaforma di streaming musicale più utilizzata al mondo sta per estendere il proprio raggio d’azione, introducendo una nuova funzionalità legata ai video, annunciata inizialmente la scorsa primavera: una caratteristica che sarà integrata nella versione Android di Spotify a partire da questa settimana, per poi raggiungere anche i dispositivi iOS. Il rollout interesserà inizialmente gli Stati Uniti, il regno Unito, la Germania e la Svezia.

Tra i contenuti accessibili in un primo momento ci saranno quelli offerti da alcuni partner dell’iniziativa come ESPN, Comedy Central, BBC, Vice Media e Maker Studios. La fase di test può dunque dichiararsi conclusa, dopo aver coinvolto circa il 10% degli iscritti al servizio nei quattro territori elencati, come confermato sulle pagine del Wall Street Journal dal vicepresidente della divisione Product, Shiva Rajaraman. I filmati sono nella maggior parte dei casi rappresentati da brevi clip, mentre alcune società come Tastemade stanno producendo veri e propri episodi ispirati alla musica, da trasmettere mediante l’app.

Attualmente Spotify può contare su un bacino di iscritti pari a 75 milioni di account, 20 milioni dei quali hanno scelto di sottoscrivere una formula di abbonamento premium, a pagamento. Secondo quanto raccontato da Rajaraman, l’integrazione dei video nello streaming musicale non è stato semplice, poiché è si è reso necessario trovare un equilibrio tra le due forme di contenuti: i filmati non devono risultare invadenti, ma soltanto suggeriti quando hanno una qualche inerenza con i brani o gli album ascoltati.

Da precisare che questa funzionalità sarà, almeno inizialmente, un’esclusiva delle applicazioni mobile. Non è dato a sapere se in un secondo momento verrà aggiunta anche ai client del servizio accessibili da computer desktop o via Web. Va segnalato infine che si tratta di una caratteristica accessibile anche dagli utenti che optano per la formula gratuita, ovvero quella finanziata dall’ascolto di inserzioni pubblicitarie durante la riproduzione.

Commenta e partecipa alle discussioni