QR code per la pagina originale

Smartphone strumento per lo shopping

Lo smartphone non è solo più uno strumento per navigare sul web o per i social network; 3 utenti su 4 lo utilizzano per prendere decisioni d’acquisto.

,

Gli smartphone sono strumenti sempre più importanti anche per lo shopping. I dispositivi mobile non sono, dunque, solo utilizzati per navigare sul web o per accedere ai social network ma anche come potenti strumenti per prendere decisioni di acquisto: infatti più di 3 su 4 dei navigatori Internet da smartphone lo utilizzano, infatti, anche a questo scopo.

Più nel dettaglio, il 60% lo sfrutta nella fase di pre-acquisto (cioè per decidere quale prodotto acquistare e dove comprarlo), il 40% all’interno del punto vendita e il 29% nella fase di post-acquisto (per le attività di richiesta assistenza, consultazione dei servizi sottoscritti, gestione della carta fedeltà). Il 41% degli utenti smartphone è un Mobile Shopper, ossia effettua acquisti tramite cellulare; per questo, il valore delle vendite online provenienti da Smartphone nel 2015 è arrivato a valere il 10% del totale eCommerce italiano e si attendono ulteriori crescite significative nei prossimi anni.

Smartphone strumento per lo shopping online

Smartphone strumento per lo shopping (immagine: iPressLive).

Dati sulle abitudini degli utenti mobile italiani che emergono dall’Osservatorio Mobile B2c Strategy della School of Management del Politecnico di Milano, che intende focalizzare l’attenzione sulle trasformazioni introdotte dal mobile nell’interazione consumatore-azienda: dalle attività di comunicazione a quelle di promozione, dal supporto al cliente nelle fasi di pre-vendita fino a quelle di post-vendita, dall’acquisto al pagamento.

Dati che, comunque, non stupiscono visto che sono 22 milioni gli italiani tra i 18 e 74 anni che accedono ogni mese a Internet da dispositivi mobili (smartphone e tablet), pari alla metà della popolazione di riferimento. Inoltre, più del 70% del tempo trascorso giornalmente a navigare è legato a dispositivi mobili e, se per i giovanissimi (18-24enni) questa percentuale sale all’85%, persino per gli over 55 ha superato ormai quota 50%.

Fonte: iPressLive • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni