QR code per la pagina originale

Inserzioni video nell’app di Play Store

Alcuni utenti hanno visto comparire, nella schermata principale di Play Store su Android, inserzioni video che sponsorizzano applicazioni e giochi.

,

Google sperimenta in continuazione nuovi metodi volti ad incrementare il volume dei download per quanto riguarda le applicazioni e i giochi distribuiti su Play Store. Talvolta, come visto il mese scorso, riguardano una maggiore integrazione tra la piattaforme e il motore di ricerca. Una nuova iniziativa, differente, è stata segnalata nei giorni scorsi da alcuni utenti online: si tratta di vere e proprie inserzioni video mostrate nella schermata principale dell’app relativa allo store, su smartphone e tablet Android.

In altre parole, aprendo il negozio virtuale di bigG viene consigliata la visualizzazione di un filmato pubblicitario che sponsorizza l’app in questione. Le clip sono le stesse che è possibile trovare all’interno delle schede di download a fianco degli screenshot. Come visibile dalle immagini allegate di seguito, il box è accompagnato dalla scritta “Check out this video”, ovvero “Guarda questo video”, un invito a far partire la riproduzione con un semplice tocco sullo schermo. Al momento non è dato a sapere se si tratta di una novità in fase di rollout per tutti gli utenti a livello globale oppure di una caratteristica testata su un numero ristretto di account. L’unica certezza è che riguarda sia le applicazioni gratuite che quelle a pagamento.

Le inserzioni video per la sponsorizzazione delle app mostrate nella schermata principale di Play Store su dispositivi Android

Le inserzioni video per la sponsorizzazione delle app mostrate nella schermata principale di Play Store su dispositivi Android (immagine: Nilanjan Chatterjee su Google+).

Con un metodo di sponsorizzazione di questo tipo gli sviluppatori hanno a disposizione una vetrina importante e di primo piano per veicolare l’attenzione degli utenti verso i propri prodotti, incrementando di conseguenza il numero dei download, ovviamente a fronte di un investimento economico (non meglio specificato). Come spesso accade per feature di questo tipo, la diffusione potrebbe essere graduale e non è escluso che nei prossimi giorni possa comparire sui display dei dispositivi Android di tutto il mondo.

Fonte: Nilanjan Chatterjee su Google+ • Via: Android Police • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni