QR code per la pagina originale

Google e Fiat insieme per la guida autonoma?

Potrebbe essere Fiat Chrysler Automobiles uno dei primi partner tecnologici di Google a firmare un accordo per portare sul mercato le self-driving car.

,

John Krafcik (numero uno della divisione Google al lavoro sulle self-driving car) e Sergio Marchionne (CEO di Fiat Chrysler Automobiles) sarebbero in procinto di siglare una partnership finalizzata alla realizzazione e alla commercializzazione di vetture a guida autonoma basate sulla tecnologia di bigG. Le trattative avrebbero preso il via subito dopo il CES 2016 andato in scena a Las Vegas nel mese di gennaio.

L’accordo potrebbe concretizzarsi in un primo momento con il lancio di una versione self-driving del crossover Pacifica. Un’eventuale stretta di mano consentirebbe poi a Google di beneficiare degli impianti produttivi FCA già avviati e ben collaudati, così come di una consolidata rete di distribuzione in tutto il mondo per la vendita dei veicoli. Dal canto suo, l’azienda italo-statunitense si garantirebbe la collaborazione con una delle realtà più esperte in tema di guida autonoma, potendo contare sull’impiego di una tecnologia già sottoposta a lunghe e approfondite fasi di test, evitando così di dover affrontare in prima persona investimenti per ricerca e sviluppo. In altre parole, una situazione win-win.

A riportare l’indiscrezione (attribuita ad una fonte rimasta anonima) è il sito Autoextremist, che trattando l’argomento formula un’ipotesi tanto azzardata quanto interessante: Marchionne e John Elkann, rispettivamente amministratore delegato e presidente di Fiat Chrysler Automobiles, potrebbero cedere a bigG il controllo dell’azienda negli Stati Uniti, a fronte di una somma quantificata in 12-14 miliardi di dollari, per poi tornare ad occuparsi del business focalizzando maggiormente l’attenzione sul nostro paese. I vertici di FCA hanno scelto di non commentare la voce di corridoio. Sulla stessa linea anche Johnny Luu, responsabile comunicazioni della divisione Google al lavoro sulle self-driving car.

La nostra policy prevede di non rilasciare commenti su rumor o congetture.

L’interesse di Marchionne nei confronti delle innovazioni che la Silicon Valley ha intenzione di portare nel mondo delle quattro ruote non è cosa nuova: lo scorso anno ha speso parole di ammirazione nei confronti di quanto fatto da realtà come Tesla e la mela morsicata, mentre più di recente (dal Salone dell’Auto di Ginevra) ha ufficialmente avanzato la candidatura di FCA per la realizzazione della Apple Car.

Fonte: The Wall Street • Via: Autoextremist • Notizie su: , ,
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 29/04/2016 alle 19:34 #546861

    Massimo
    Membro

    Marchionne è un grande: alla faccia dei sindacati che l’hanno osteggiato in tutti i modi, ha dimostrato che un buon manager può fronteggiare anche tutti questi parassiti che negli anni assieme ai politici hanno distrutto tante aziende italiane. Ha anche dimostrato che una guida forte dell’azienda porta al successo.

    Un accordo con Google per portare nelle auto Fiat questa rivoluzione potrebbe avere risvolti incredibili anche sull’economia italiana e tante ricadute oggi impensabili. Non ultima la sparizione della lobby dei tassisti, che ci impedisce di utilizzare le moderne soluzioni di mobilità per mantenere i privilegi della casta.