QR code per la pagina originale

Amazon venderà direttamente pannolini ed alimenti

Amazon sarebbe pronto a far debuttare una linea proprietaria di alimenti e di prodotti per bambini come i pannolini.

,

Amazon potrebbe molto presto iniziare a vendere prodotti alimentari e prodotti per bambini sotto una suo brand. Secondo il Wall Street Journal, il colosso dell’eCommerce sarebbe pronto a vendere direttamente caffè, noci e spezie, alimenti per l’infanzia e pannolini attraverso una serie di nuovi brand proprietari. Il lancio sarebbe imminente e la fonte specifica che l’attesa non dovrebbe essere più lunga che di qualche settimana. Tutti questi prodotti saranno, però, disponibili solamente per gli utenti abbonati al servizio Amazon Prime.

I nuovi brand saranno fatti debuttare uno alla volta. Il primo dovrebbe essere “Happy Belly“, che dovrebbe offrire prodotti come noci, tè ed olio per la cucina; Wickedly Prime, invece, offrirà spuntini preconfezionati; infine, Mama Bear offrirà prodotti per i bambini. Non è chiaro, però, a quale fascia di prezzo faranno riferimento questi nuovi brand ma dovrebbero allinearsi alle categorie di prezzi di altri prodotti venduti direttamente da Amazon come rasoi, pasta e patatine fritte. Amazon ha già provato a vendere pannolini una volta in passato, ma ha dovuto ritirarli rapidamente per problemi di realizzazione.

Questa volta sembra che le cose siano diverse, compresa la strategia che vedrebbe Amazon impegnata a fare direttamente concorrenza ai marchi privati. Una strategia che il colosso del’eCommerce sta già seguendo in altre categorie come l’abbigliamento dove vende abiti con alcuni brand proprietari.

Inoltre, la scelta di puntare su prodotti alimentari non appare per nulla strana visto che già oggi Amazon, attraverso il servizio Prime, mette in vendita beni di prima necessità di altri marchi. Il colosso dell’eCommerce, punta, dunque, a dare una nuova alternativa ai suoi clienti.

I nuovi brand alimentari e per l’infanzia saranno disponibili sul territorio americano.

Fonte: The Wall Street Journal • Via: The Verge • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni