QR code per la pagina originale

TIM, rimodulazione forzata verso Prime go

TIM Prime go è una nuova offerta a valore aggiunto a pagamento che sarà parte integrante di alcuni piani tariffari a partire dal 15 giugno 2016.

,

TIM, lo scorso febbraio, tentò di seguire la strada di Vodafone Exclusive forzando l’attivazione del servizio TIM Prime a tutti i suoi clienti. L’intervento dell’AGCOM, come noto, fermò questo tentativo ma adesso, discusso i dettagli dell’operazione con l’Autority, l’operatore ci riprova lanciando TIM Prime go che non sarà più un optional per alcuni piani tariffari ma ne sarà, invece, parte integrante.

TIM, infatti, annuncia che partire dal 15 giugno 2016, intende modificare le condizioni economiche di alcuni piani tariffari base ricaricabili che entreranno a far parte dei piani Prime go ed avranno un costo di 49 centesimi a settimana in più. I clienti coinvolti saranno informati con una campagna comunicazionale mirata ed articolata attraverso canali come SMS informativi, IVR gratuito 409162, negozi TIM, sito web e web.

I clienti, grazie a TIM Prime go potranno accedere subito tanti vantaggi esclusivi e gratuiti: biglietti 2×1 per il cinema ogni settimana, Calciomercato e Campionato con la App Serie A TIM, chiamate e SMS illimitati verso un numero mobile TIM a scelta, la possibilità di vincere smartphone e premi alla ricarica.

I clienti dell’operatore potranno sin da ora scoprire se il loro numero sarà trasformato in un piano Prime go semplicemente chiamando il numero gratuito 409162 o accedendo a My TIM Mobile.

Chi non volesse pagare 49 centesimi di euro a settimana, cioè circa 2 euro al mese avrà due possibili strade da seguire. La prima è quella di recedere cambiando gestore. I clienti che non accettano la suddetta modifica, in base all’articolo 70 comma 4 del Decreto Legislativo 259 del 2003, hanno il diritto di recedere dal contratto senza costi di disattivazione o penali, entro la data riportata nel sms ricevuto chiamando il 409162 e seguendo le istruzioni della voce guida, oppure, compilando l’apposito modulo o inviando un sms al 119 con testo “CESSAZIONE SIM” o chiamando il 119 oppure possono passare ad altro operatore. In tal caso, ove sulla linea sia attiva un’offerta in rateizzazione per l’acquisto di un prodotto in corso di vigenza contrattuale (24 o 30 mesi in funzione del prodotto scelto), al cliente saranno addebitate in un’unica soluzione le rate residue contrattualmente previste relative al prodotto acquistato.

La seconda strada da seguire, invece, è quella che permette di cambiare la propria offerta di base in un piano non Prime go. I clienti potranno chiamare gratuitamente il 409162 e seguire le istruzioni della voce guida, oppure recarsi sul sito TIM Prime go.

Fonte: TIM • Via: TIM • Immagine: TIM • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 16/05/2016 alle 18:37 #552295

    Ale525
    Membro

    Fortunatamente il mio piano tariffario non rientrerà nella rimodulazione, però questa mossa mi sembra alquanto scorretta! Bisogna che l’AGCOM intervenga di nuovo…