QR code per la pagina originale

Device Apple ricondizionati: l’India li vieta

Apple non potrà vendere prodotti ricondizionati all'interno del territorio indiano: il gruppo vuole allargare il suo market share, ma il governo li vieta.

,

I device ricondizionati, i cosiddetti “refurbished”, rappresentano da sempre una ghiotta occasione per gli appassionati dei prodotti targati mela morsicata. Si tratta di dispositivi completamente riportati allo stato originale da Apple, con tanto di garanzia, provenienti dalle più svariate fonti, come spazi espositivi e simili. Non tutti i consumatori, però, potranno approfittare dei corposi sconti con cui i refurbished sono proposti al pubblico: l’India, infatti, li ha vietati. Per quale motivo?

La notizia è stata diramata questa mattina, nel corso di una conferenza stampa tenuta dal ministro del Commercio e dell’Industria Nirmala Sitharam, in quel di Nuova Delhi. Secondo quanto riferito, il governo ha deciso di rigettare la richiesta del gruppo californiano di poter vendere iPhone ricondizionati sul territorio della nazione, poiché le autorità non gradiscono la distribuzione di prodotti eventualmente usati:

Non siamo a favore della vendita di telefoni usati da parti di qualsiasi compagnia, per quanto certificati possano essere.

Si tratta di una decisione spiazzante per le strategie di mercato di Cupertino: con gli smartphone refurbished, infatti, forse la società avrebbe potuto ampliare il proprio market share in uno dei mercati consumer emergenti più importanti al mondo. Questo perché la media dei device dai produttori locali è di circa 150 dollari, quando un iPhone raggiunge facilmente i 700: un prezzo fuori portata, secondo alcuni analisti, rispetto al potere d’acquisto locale.

Nel frattempo, però, la Mela potrebbe recuperare su altri fronti. Qualche settimana fa il governo locale ha spiegato al gruppo statunitense come, per aprire un Apple Store nella nazione, sia necessario vendere almeno il 30% di prodotti locali. Un fatto complesso per uno store monomarca, dove sono solo gli accessori a essere realizzati da società terze. Pare, tuttavia, che dal ministero delle finanze giungano indicazioni preliminari per un cambio di queste norme, consentendo così anche ad Apple di espandere il suo network retail in India.

Fonte: CNet • Immagine: George Dolgikh via Shutterstock • Notizie su: , , ,
Commenta e partecipa alle discussioni