QR code per la pagina originale

Ok Google: tutti i comandi vocali di Google Now

Pur non essendo un'iniziativa ufficiale firmata bigG, il sito messo online da Kristijan Ristovski risulta interessante per tutti gli utenti di Google Now.

,

È possibile interagire con il proprio smartphone attraverso il display touchscreen, navigando tra i menu di sistema e quelli delle applicazioni, oppure affidarsi al riconoscimento vocale perché l’assistente virtuale esegua comandi impartiti semplicemente parlando. Così funziona Google Now, come ben sanno gli utenti più smaliziati, soprattutto quelli in possesso di un dispositivo Android.

È sufficiente pronunciare la keyword “Ok Google” per attivare il microfono, facendo poi seguire uno dei tanti comandi vocali supportati. Il gruppo di Mountain View non ha mai stilato un elenco ufficiale di quelli disponibili, anche perché si tratta di una lista in continua espansione ed evoluzione. Ci ha allora pensato Kristijan Ristovski, che definisce se stesso come geek e musicista, con il lancio del sito ok-google.io. Lì sono raccolti oltre 150 frasi da pronunciare per interagire con la tecnologia di bigG. Sono tutte in lingua inglese, ma si può comunque prendere spunto per sperimentarne l’utilizzo anche in italiano.

Il lavoro di Ristovski è ben organizzato, con i comandi suddivisi in maniera ordinata all’interno di categorie come Persone e Relazioni, Tempo, Meteo, Azioni, Conversioni, Matematica, Controllo del Dispositivo, Definizioni, Allarmi, Calendario, Integrazione con Gmail, Google Keep e Appunti, Contatti e Chiamate, Messaggistica, Applicazioni Social, Traduzioni, Promemoria, Mappe e Navigazione, Sport, Voli e Viaggi, Navigazione Web, Film e Serie TV, Easter Egg (si provi ad esempio a pronunciare “do a barrell roll”, Musica, Cronometro e Orologio.

Alcuni dei comandi vocali "Ok Google" supportati dall'assistente virtuale Google Now

Alcuni dei comandi vocali “Ok Google” supportati dall’assistente virtuale Google Now

Ogni frase è riportata in modo chiaro dal punto di vista della sintassi, con in evidenza le parole che devono per forza di cose trovare posto all’interno dell’espressione e quelle che invece possono essere sostituite. Come già detto, l’elenco è in continua espansione.

Fonte: Ok Google • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni