QR code per la pagina originale

Microsoft, Surface as Service per l’enterprise

Microsoft annuncia Surface as Service; i partner rivenditori autorizzati potranno vedere i Surface in abbonamento assieme ai servizi come Office 365.

,

La rivoluzione digitale sta cambiando radicalmente il tradizionale ambiente di lavoro. Inoltre, la forza lavoro sia sta spostando verso l’utilizzo di più dispositivi in ottica multitasking e di maggiore collaborazione. Microsoft, dunque, continua ad investire nella grande famiglia di prodotti della linea Surface perchè ha visto come i prodotti innovativi permettano di ispirare idee, catalizzare la collaborazione, accelerare i progressi e trasformare le attività commerciali. Linea Surface che ha riscosso grande successo tanto da consentire alla casa di Redmond di passare da un fatturato pari a 1 miliardo di dollari in un anno ad un miliardo di dollari in un trimestre. Microsoft dunque, non sta solo creando grandi prodotti ma anche categorie innovative che aprono un mondo di nuove opportunità per i partner.

Proprio per questo, Microsoft sta investendo in programmi che aumentano ricavi e redditività dei partner. Microsoft ha, dunque, annunciato l’espansione della “Surface Enterprise Initiative” con una serie di nuovi accordi e programmi che consentiranno ai clienti di tutte le dimensioni, dalle PMI alle aziende multi-nazionali, di trasformare il modo in cui lavorano. Innanzitutto, la casa di Redmond consentirà di vedere Surface come servizio (Surface as Service). Dunque, adesso, i fornitori di soluzioni Cloud che sono anche rivenditori autorizzati dei prodotti Surface, saranno in grado di offrire questi dispositivi attraverso un’offerta gestita a tutti i rivenditori e clienti, insieme a servizi cloud come Office 365 e a Windows 10.

Questa nuova opportunità permette di offrire soluzioni flessibili, un rinnovamento dei dispositivi più veloce e la sicurezza che i clienti possano disporre sempre dell’ultimo Surface e di tutte le ultime versioni di Windows 10 ed Office.

Inoltre, Microsoft annuncia l’ampliamento della “Surface Enterprise Initiative” con l’arrivo di due nuovi importanti partner: IBM e Booz Allen Hamilton.

IBM utilizzerà l’analisi dei dati per creare nuove soluzioni specifiche per i servizi finanziari e per i settori dei beni di consumo sfruttando le caratteristiche uniche dei dispositivi Surface. Booz Allen Hamilton svilupperà, invece, di soluzioni scalabili e più sicure per i governi, il settore pubblico e la sanità.

Questi nuovi programmi e collaborazioni, in combinazione con la rete di Microsoft di oltre 5000 rivenditori, permettono di offrire grandi opportunità per i partner e per i clienti di trasformare la loro attività in un modo più moderno di lavorare.

Infine, sempre per il mondo enterprise, Microsoft ha annunciato un nuovo modo per acquistare e gestire le licenze di Windows 10. La casa di Redmond permetterà alle aziende di acquistare le licenza di Windows 10 in abbonamento per i propri dipendenti. L’offerta è duplice. Windows 10 Enterprise E3 include il sistema operativo, mentre Windows 10 Enterprise E5 aggiunge anche Windows Defender Advanced Thread Protection. Windows 10 Enterprise E3 costerà 84 dollari all’anno (7 dollari al mese) per dipendente con disponibilità per il prossimo autunno. Nessun dettaglio, invece, per Windows 10 Enterprise E5.

Commenta e partecipa alle discussioni