QR code per la pagina originale

Apple avvia i casting per Planet of the Apps

Apple avvia i casting per Planet of the Apps, la prima serie prodotta da Cupertino e dedicata completamente all'universo degli sviluppatori.

,

La prima serie TV prodotta interamente da Apple non solo diverrà presto realtà, ma trova oggi anche la prima conferma ufficiale. È quanto emerge dalla società di Cupertino che, in mattinata, ha avviato ufficialmente i casting per gli sviluppatori che volessero partecipare alle registrazioni di “Planet of the Apps”. La serie sarà completamente “unscripted”, quindi priva di copione, e si concentrerà sull’universo delle applicazioni, così come suggerisce il nome.

Il gruppo californiano ha aperto i casting per sviluppatori con base a San Francisco, Austin, New York e Los Angeles. Secondo quanto reso noto da Cult of Mac, la serie sarà prodotta da Ben Silverman, Howard Owens e will.i.am, per un lancio futuro sulla piattaforma tvOS, quindi pienamente raggiungibile dai possessori di una Apple TV. Al momento, invece, non è noto se la produzione verrà offerta agli spettatori gratuitamente o, in alternativa, inclusa in qualche servizio in abbonamento, quale Apple Music.

Come anticipato, la serie si concentrerà sull’universo delle app e su come queste abbiano permesso a molti developer di modificare, e cambiare per sempre, il mondo dell’innovazione. L’obiettivo è di mostrare come la tecnologia possa formare il futuro, risolvere problemi reali e cambiare la vita delle persone. Così ha commentato Silverman:

Possiamo raccontare la storia di questi sviluppatori, mentre esploriamo come le app siano sviluppate, create, incubate.

Lo show, che vuole essere anche un “acceleratore” per il business dei developer di terze parti, offrirà tre opportunità principali ai partecipanti: il supporto da esperti di calibro internazionale, un posizionamento speciale su App Store e, se raggiungeranno la fase finale dello show, anche 10 milioni in fondi e sviluppo.

Solo 100 developer verranno selezionati per il programma e le richieste di partecipazione dovranno pervenire in quel di Cupertino entro il 26 agosto. “Planet of the Apps” potrebbe essere registrato tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 in quel di Los Angeles, mentre ancora non è nota la data di distribuzione pubblica.

Commenta e partecipa alle discussioni