QR code per la pagina originale

Canone Rai, l’Agenzia delle Entrate su Facebook

L'Agenzia delle Entrate sbarca su Facebook; gli italiani potranno porre domande sul Canone della RAI direttamente da Facebook Messenger.

,

Dubbi sul Canone della RAI? L’Agenzia delle Entrate risponde direttamente attraverso Facebook Messenger. L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha inaugurato oggi la sua pagina Facebook per entrare in contatto con i cittadini e per offrire, anche, una prima informazione su un tema di stretta attualità: il canone tv nella bolletta elettrica. Il servizio, realizzato dalle Entrate a costo zero e fornito sulla piattaforma Messenger, è un’innovazione destinata a cambiare radicalmente il rapporto con i contribuenti, che potranno dialogare con il Fisco in tempo reale e in maniera semplice, anche dal proprio smartphone, attraverso il social network più popolare in Italia, con 23 milioni di utenti che si collegano almeno una volta al giorno.

Da oggi sarà possibile aprire una conversazione privata con l’Agenzia attraverso l’applicazione Facebook Messenger e scrivere la propria domanda. La risposta arriverà entro 24 ore o, nei casi in cui il quesito richieda un approfondimento, entro 5 giorni dalla richiesta. Inizialmente l’assistenza sarà dedicata al canone tv, per poi estendersi gradualmente ai dubbi fiscali più comuni. Non solo, quindi, un nuovo canale social delle Entrate, che si affianca a quelli già esistenti, ma una nuova forma di dialogo in cui l’Agenzia dà del tu al cittadino e svecchia le procedure della Pubblica Amministrazione grazie alla tecnologia.

L’Agenzia non richiederà alcun dato personale, ma si limiterà a rispondere a dubbi e aiutare i contribuenti ad adempiere correttamente agli obblighi fiscali. Il trattamento dei dati personali degli utenti risponderà, comunque, alle policy in uso sulla piattaforma Facebook, mentre i dati sensibili postati in commenti o post pubblici verranno rimossi.

Con l’approdo su Facebook, l’Agenzia triplica la sua presenza nel mondo dei social media, dopo YouTube e Twitter. Con questo passaggio, però, l’account non diventa solo un modo per informare il cittadino sulle novità fiscali, ma un inedito canale a due direzioni con cui Fisco e contribuente possono interagire direttamente attraverso la tastiera del pc o lo schermo dello smartphone.

Fonte: Agenzia delle Entrate • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 18/07/2016 alle 20:18 #576135

    Massimo
    Membro

    Allora subito una domanda all’Agenzia.

    Perché perdete il vostro tempo per consentire di foraggiare un carrozzone inutile, che è usato solo per foraggiare parenti e amici dei politicanti di tutti i colori?

    Sappiamo tutti che la RAI fa solo concorrenza sleale ai tanti canali che danno lo stesso servizio gratis.

    Se poi deve essere usata per motivi istituzionali, cioè propagare le balle dei vari governanti, è evidentemente inutile: basta imporre a tutte le varie TV di dare gratis mezz’ora al giorno per le balle di stato.

    Questo non l’ho inventato io: è una prassi normale in paesi in cui i partiti hanno un po’ più di pudore nell’usare i soldi dei contribuenti per le loro porcherie.