QR code per la pagina originale

Moto Z Play e Moto X (2016), possibili specifiche

In base alle specifiche scoperte nei database di AnTuTu e GFXBench, Lenovo dovrebbe annunciare altri due smartphone: Moto Z Play e Moto X (2016).

,

Lenovo dovrebbe presto annunciare un altro modello della serie Moto Z e la versione 2016 del Moto X. I Moto Z e Moto Z Force verrebbero quindi affiancati da uno smartphone di fascia media, denominato Moto Z Play, le cui specifiche sono state scoperte nel database di AnTuTu. Il Moto X (2016), invece, è apparso nel database di GFXBench. Il produttore cinese aveva confermato che i Moto Z non sostituiscono i Moto X, quindi l’arrivo sul mercato del nuovo modello è solo una questione di tempo.

Non è noto se il Moto Z Play avrà un design modulare, ma un’immagine pubblicata su Google+ mostra chiaramente una differenza rispetto ai due Moto Z annunciati all’inizio di giugno, ovvero la presenza di uno jack audio da 3,5 millimetri. Gli utenti potranno quindi utilizzare gli auricolari già in loro possesso, evitando l’acquisto di un adattatore jack audio/USB Type-C. Queste sono invece le specifiche apparse su AnTuTu: schermo da 5,5 pollici con risoluzione full HD (1920×1080 pixel), processore octa core Snapdragon 625, 3 GB di RAM, 32 GB di memoria flash, fotocamere da 16 e 5 megapixel, sistema operativo Android 6.0.1 Marshmallow. Il prezzo dovrebbe essere di circa 300 dollari.

Il Moto X (2016), individuato nel database di GFXBench con il nome in codice XT1650, ha uno schermo da 5,5 pollici con risoluzione Quad HD (2560×1440 pixel), processore Snapdragon 820 a 2,1 GHz, 4 GB di RAM, 32 GB di storage e fotocamera frontale da 5 megapixel. Si tratterebbe dunque di specifiche identiche a quelle dei Moto Z. Il Moto X (2016) però dovrebbe avere un doppia fotocamera posteriore, una da 21 megapixel e una da 16 megapixel. Anche in questo caso, il sistema operativo è Android 6.0.1 Marshmallow.

Galleria di immagini: Motorola Moto Z e Moto Z Force

Ovviamente l’esistenza del Moto Z Play e del Moto X (2016) non può essere confermata dai benchmark. Nelle prossime settimane potrebbero trapelare informazioni più affidabili e forse anche qualche foto “rubata”.

Fonte: Phone Arena • Via: Phone Arena • Notizie su:
Commenta e partecipa alle discussioni