QR code per la pagina originale

Prisma: in arrivo anche i filtri per i video

Alexey Moiseenkov, programmatore russo a capo del team Prisma Labs, conferma che nelle prossime settimane l'applicazione introdurrà la modifica dei video.

,

650 milioni di fotografie elaborate in pochi giorni, 16,5 milioni di download su dispositivi iOS in poche settimane e oltre 2 milioni su Android nel giorno del lancio. Sono questi i numeri del folgorante successo ottenuto da Prisma, l’applicazione che grazie all’impiego delle reti neurali trasforma le immagini in qualcosa di molto simile ad opere d’arte.

Ieri abbiamo avuto modo di chiedere ad Alexey Moiseenkov quali sono gli stili più utilizzati dagli utenti e il perché della rimozione di alcuni. Oggi il programmatore russo è intervenuto sulle pagine di Bloomberg, confermando in via ufficiale quanto già era nell’aria da qualche giorno: presto l’app sarà in grado di processare anche i video, sfruttando lo stesso principio già visto in azione per le foto, ovvero facendo ricorso all’intelligenza artificiale. La funzionalità è già pronta, ma prima del lancio il team russo ha bisogno di potenziare la propria infrastruttura, per evitare situazioni come quella che nei giorni scorsi ha portato ad un prolungato blocco dei server. Sarà dunque necessario pazientare alcune settimane.

L’articolo pubblicato da Bloomberg risulta interessante anche perché spiega le modalità con le quali la startup di Prima intende monetizzare il proprio lavoro. Moiseenkov è stato avvistato di recente nella Silicon Valley per una serie di incontri (uno dei quali con Facebook), dunque non è da escludere la possibilità di un’acquisizione, un po’ come avvenuto con MSQRD che è passata sotto il controllo del social network di Mark Zuckerberg. Ci sarebbe poi la strada dell’advertising, da percorrere: i più attenti avranno già notato, ad esempio, che il filtro Impression è sponsorizzato da Palmolive, mentre #GettUrban dall’israeliana Gett.

Al momento il team di Prisma Labs è composto da un totale di nove elementi. Tra i finanziatori anche Yuri Gurski, ex vicepresidente di Mail.ru e Gagarin Capital.

Fonte: Bloomberg • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni